Iscriviti

Covid-19, Walter Ricciardi: "Gran Bretagna ha taciuto per mesi, serve lockdown subito"

Secondo il consulente del Ministero della Salute sarà difficile riaprire le scuole per il 7 gennaio, ci vorrebbe un blocco totale per un mese e mezzo circa per poter riportare la situazione sotto controllo. "Nuove chiusure sono inevitabili".

Cronaca
Pubblicato il 21 dicembre 2020, alle ore 15:03

Mi piace
0
0
Covid-19, Walter Ricciardi: "Gran Bretagna ha taciuto per mesi, serve lockdown subito"

Sono durissime le parole che Walter Ricciardi, consulente del Ministero della Salute, ha lanciato contro il Regno Unito in un’intervista per il quotidiano Il Messaggero. Secondo l’esperto la Gran Bretagna ha taciuto per mesi su questa nuova variante del coronavirus Sars-CoV-2 che adesso sta spaventando l’Europa. La mutazione sarebbe stata già nota dallo scorso mese di settembre, per cui è probabile che si sia propagata più di quanto non si creda. La variante “britannica” del virus Covid-19 è stata individuata già in Olanda, Belgio, Danimarca, Italia, Australia e ci sono casi sospetti anche in Sud Africa

Secondo Ricciardi con questa situazione sarebbe difficile riaprire le scuole per il 7 gennaio, e per far fronte a questa nuova mutazione del virus ci vorrebbe un lockdown totale almeno per un mese, un mese e mezzo. Se non ci sarà un blocco totale comunque c’è bisogno che il Governo adotti misure restrittive molto pesanti alle libertà personali, in modo da tutelare la salute di tutti. “Nuove chiusure saranno inevitabili” – così informa Ricciardi. 

Ricciardi: “Chisure di Natale insufficienti”

Walter Ricciardi ritiene che le misure adottate dal Governo italiano adesso siano insufficienti, per cui le chiusure programmate per le feste di Natale serviranno davvero a poco. L’esperto ha dichiarato che la circolazione del Covid-19 in Italia, come in tutta Europa, sia ancora intensa e per questo c’è bisogno di fare molta attenzione. “Il numero di infetti è alto” – queste sono le parole che Ricciardi ha detto durante la sua intervista al quotidiano Il Messaggero. 

Il medico comunque ritiene che questa nuova mutazione non sia più letale della precedente, per cui i vaccini che si stanno studiando in questi mesi contro il coronavirus Sars-CoV-2 dovrebbero essere efficaci. Anche Ricciardi ha spiegato che questa nuova variante circola in maniera più veloce almeno del 70-80% rispetto al virus isolato orginariamente a Wuhan. Nelle scorse ore nel nostro Paese una donna di Roma è stata la prima paziente nostrana ad essere stata trovata positiva alla variante “inglese” del coronavirus. 

Per quanto riguarda la distribuzione dei vaccini Walter Ricciardi ha ipotizzato anche una possibile distribuzione della cura: i vaccini prodotti da Pfizer e Moderna dovrebbe andare agli anziani, mentre quello di AstraZeneca ai più giovani. Sarà interessante vedere anche gli effetti della cura prodotta da Johnson&Johnson, la quale, a differenza delle altre, è monodose e potrebbe avere la stessa efficacia di tutti gli altri vaccini anti Covid.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Federico Sanapo

Federico Sanapo - Accuse pesanti quelle di Walter Ricciardi, che ha criticato molto il Regno Unito, in quanto a suo dire avrebbe tardato a dare l'allarme per questa nuova variante del coronavirus. Per il momento pare non ci siano problemi per i vaccini, ma la guardia deve restare alta perché la nuova variante è in fase di studio. Rispettare le regole rimane quindi fondamentale, l'unica arma davvero consolidata per poter combattere il Covid-19.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!