Iscriviti

Covid-19, Roberto Burioni: "Tamponi tallone d’Achille"

Il noto virologo è intervenuto alla trasmissione "Che tempo che fa?" spiegando di come il pass vaccinale sia utile per contenere il contagio da Covid-19. Per lui i tamponi non hanno molto senso, e ci sono 12 eventi avversi non lievi ogni milione di test.

Cronaca
Pubblicato il 15 novembre 2021, alle ore 10:15

Mi piace
0
0
Covid-19, Roberto Burioni: "Tamponi tallone d’Achille"

Ormai il Green Pass Covid è un realtà. Si tratta di uno strumento diventato di uso quotidiano, che ci permette di vivere tranquillamente la vita sociale dopo i terribili primi mesi della pandemia. Ad oggi possono ottenere il pass vaccinale sia le persone completamente vaccinate o guarite dal Covid, oppure chi si sottopone ad un tampone rapido o molecolare che sia e che abbia esito negativo. Roberto Burioni, noto virologo italiano al San Raffaele di Milano, ha spiegato alla trasmissione “Che tempo che fa?” perchè il pass vaccinale è utile.

Per Burioni si tratta di uno strumento che, al di là degli aspetti legali o sociali, garantisce alle persone una maggiore sicurezza nei luoghi della socialità e sul lavoro. I vaccinati, infatti, ricorda il virologo, se dovessero anche infettarsi hanno una carica virale bassissima, “con una diminuzione sopra l 60%”. Per l’esperto bisognerà comunque ragionare sulla durata del pass vaccinale, che adesso è di 12 mesi. 

Burioni: “Tampone tallone d’Achille”

Burioni ha poi parlato dell’utilità di rilasciare il Green Pass tramite tamponi rapidi e molecolari. “In questo caso la certificazione verde ha una durata di due o tre giorni a seconda del tipo di test. Questo non ha molto senso, perché il tampone è come una istantanea, ci dice che in quel momento la persona non è infettiva. Ma non ha senso, soprattutto quando il virus circola molto” – così ha spiegato Burioni ai telespettatori. 

Ed è lo stesso virologo a far capire di come eseguire i test non sia sempre esente da rischi, in quanto sono stati riscontrati 12 effetti avverso, anche piuttosto seri, ogni milione di tamponi. Si pensi ad esempio quando il bastoncino si rompe oppure quanto vi sono perdite di liquido cerebrale. Eventi che vengono risolti quasi nell’immediato, ma che comunque comportano fastidi per i pazienti. 

“Ricordate che il Green pass non dà protezione assoluta per cui è comunque essenziale mettere in pratica i comportamenti che ben conosciamo, dall’uso della mascherina al distanziamento. Se vogliamo passare un Natale sereno vaccinatevi” – così ha poi concluso il suo intervento Roberto Burioni. 

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Federico Sanapo

Federico Sanapo - Le parole di Burioni ci fanno capire di quanto sia utile il Green Pass e soprattutto vaccinarsi contro questa brutta malattia, il Covid, che ha sconvolto le nostre vite. Adesso grazie a questi strumenti stiamo riprendendo in mano la vita sociale e il Governo non vuole tornare indietro alle chiusure.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!