Iscriviti

Covid-19 Italia, bollettino del 31 dicembre: 144.243 casi e 155 morti, incidenza sempre in crescita

Ultimo dell'anno nefasto per quanto riuarda il bollettino Covid in Italia, dove ormai i casi raddoppiano ogni due-tre giorni, forse a causa dell'avanza della variante Omicron. Incidenza a 783 infetti ogni 100mila abitanti, quattro regioni in giallo da lunedì.

Cronaca
Pubblicato il 31 dicembre 2021, alle ore 18:58

Mi piace
0
0
Covid-19 Italia, bollettino del 31 dicembre: 144.243 casi e 155 morti, incidenza sempre in crescita

Sta spaventando davvero tutti questa nuova, improvvisa ondata di Covid che il nostro Paese e l’Europa intera si stanno trovando ad affrontare. Mai dall’inizio della pandemia si erano toccati i 100.000 e oltre casi al giorno. Per questo le autorità sono preoccupate e si sta cercando di accelerare per quanto riguarda l’obbligo vaccinale, che presto potrebbe essere esteso a tutte le categorie di lavoratori. Nelle ultime 24 ore in Italia si sono registrati 144.243 casi e 155 morti. Cresce a livelli mai visti anche l’incidenza, arrivata a toccare quota 783 infezioni ogni 100.000 abitanti

Il monitoraggio settimanale dell’Istituto Superiore di Sanità, che arriva puntuale ogni venerdì pomeriggio, certifica un’altissima circolazione virale nel nostro Paese. “Nelle ultime settimane, in Italia la curva si è incrementata con la crescita dei nuovi casi sostanzialmente quasi in tutte le Regioni” – così ha detto il presidente dell’ISS, Silvio Brusaferro. Crescono anche le ospedalizzazioni, sia nei reparti ordinari che in terapia intensiva. Le terapie intensive in Italia sono occupate al 12,9%, mentre nelle aree mediche il tasso di occupazione è del 17,1%, dato quest’ultimo anche in crescita rispetto agli scorsi sette giorni.

Oltre 5 milioni di italiani senza vaccino

Secondo quanto stimato dalle autorità sanitarie sono oltre 5 milioni le persone che in Italia non hanno ricevuto nessuna dose di vaccino anti Covid. Nei prossimi mesi l’obiettivo del Governo è quello di raggiungere appunto tutta la popolazione, o comunque gran parte degli scettici che non vogliono sottoporsi al vaccino. 

La fascia nella quale si contano meno vaccinati è quella compresa tra i 40-49 anni, dove figurano 1.202.480 non vaccinati. Secondo l’ISS, inoltre, in Italia prevale ancora la variante Delta del Covid, che però presto potrebbe essere sostituita completamente da quella Omicron. La Omicron è ancora al 21% on una variabilità regionale tra il 3% e il 65%.

E da lunedì 3 gennaio altre quattro regioni passeranno in zona gialla. Si tratta di Sicilia, Lombardia, Lazio e Piemonte. Queste regioni hanno supeato i parametri della zona bianca per quanto riguarda i tassi di ospedalizzazione. In Italia sono 1.260 i pazienti ricoverati nelle terapie intensive, mentre i ricoverati con sintomi nei reparti ordinari sono 11.150, 284 in più rispetto a ieri

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Federico Sanapo

Federico Sanapo - Il bollettino Covid si fa di giorno in giorno sempre più preoccupante. Ormai sono milioni le persone a casa che sono in quarantena, una situazione che rischia di paralizzare il Paese nei prossimi giorni. Sono però entrate in vigore le nuove norme sulla quarantena che vengono incontro alle persone vaccinate.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!