Iscriviti

Covid-19, i costituzionalisti: "Green Pass non limita alcuna libertà"

A dirlo al quotidiano Il Giornale sono Sabino Cassese e Giovanni Maria Flick, entrambi costituzionalisti di lungo corso e professori universitari. In un momento di emergenza " divieti simili sarebbero una sanzione meno afflittiva del carcere o di una multa".

Cronaca
Pubblicato il 14 luglio 2021, alle ore 13:11

Mi piace
0
0
Covid-19, i costituzionalisti: "Green Pass non limita alcuna libertà"

Dal primo agosto la Francia adotterà una regola radicale per poter uscire presto dalla pandemia, imponendo a tutti l’obbligo di avere il Green Pass Covid. Il certificato servirà per poter entrare in bar, ristoranti, prendere i mezzi pubblici come aerei e treni, andare al cinema e al teatro. Insomma la certificazione servirà quasi per ogni attività quotidiana. Il Governo italiano vorrebbe seguire questa linea, ma per il momento la questione sarà discussa tra tutte le forze politiche, sia di maggioranza che di opposizione. Molti infatti sono i pareri contrari all’interno dell’Esecutivo.

Ma se da un lato c’è chi chi crede che questa misura sia “incostituzionale”, a sciogliere ogni dubbio ci hanno pensato in queste ore Sabino Cassese e Giovanni Maria Flick, due tra i costituzionalisti più noti in Italia. Entrambi sono anche docenti universitari. Per i giudici in questione l’utilizzo obbligatorio del Green Pass non limiterebbe alcuna libertà, questo perchè ci troviamo in un periodo di emergenza e la nostra Costituzione contempla il diritto alla salute non solo a livello individuale, ma anche collettivo.

Cassese: “Raccordarsi con il testo europeo”

Sabino Cassese ricorda che prima di varare la norma, comunque bisogna raccordarsi con il testo europeo sul Green Pass. Attualmente la certificazione serve per spostarsi all’interno dell’Unione Europea ma anche nei singoli stati, senza avere restrizioni di sorta. Può avere il Green Pass chi abbia completato il ciclo di vaccinazione con entrambe le dosi o le persone che hanno avuto un tampone negativo nelle 48 ore precedenti al viaggio, ma anche chi sia guarito completamente dalla malattia da almeno sei mesi.

I cronisti de Il Giornale hanno chiesto a Cassese se si potrebbe optare per l’obbligo vaccinale soltanto per alcune categorie di lavoratori, come ad esempio gli insegnanti. “Sì, non c’è dubbio. Altrimenti si rischia il paradosso: mens sana in corpore infirmo” – così ha risposto il costituzionalista ai giornalisti. Secondo i due giuristi in un momento come quello che stiamo vivendo “divieti simili sarebbero una sanzione meno afflittiva del carcere o di una multa”.

Secondo Flick basta leggere l’articolo 32 della Costituzione per vedere come la salute sia un diritto fondamentale non solo del singolo, ma dell’intera collettività. “Ovvio che il contenimento della pandemia che stiamo tuttora attraversando è un interesse essenziale della collettività nazionale. E tutti sono obbligati a fare la loro parte” – così ha spiegato Giovanni Maria Flick. “L’unica ipotesi davanti a cui l’obbligo di solidarietà viene meno può essere quello di patologie accertate incompatibili con la somministrazione” – questa è la conclusione del giudice.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Federico Sanapo

Federico Sanapo - Sono parole molto importanti quelle dei due costituzionalisti, che ci fanno capire di quanto sia importante vaccinarsi. Purtroppo bisogna uscire al più presto dalla pandemia e i Governi stanno facendo di tutto per poter tornare presto alla normalità. Se l'obbligo del Green Pass passerà la popolazione non avrà scelta che ricorrere alla vaccinazione.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!