Iscriviti

Covid-19 e variante Omicron, OMS lancia l’allarme: "Una nuova tempesta è in arrivo"

Lo ha detto Hans Kluge, direttore di OMS Europa, il quale ha invitato tutta la popolazione già vaccinata con due dosi a sottoporsi nel più breve tempo possibile alla terza. Il "Vecchio Continente" rischia una nuova e pesante ondata di contagi.

Cronaca
Pubblicato il 22 dicembre 2021, alle ore 13:16

Mi piace
1
0
Covid-19 e variante Omicron, OMS lancia l’allarme: "Una nuova tempesta è in arrivo"

Da ormai quasi un mese in Europa si assistendo ad un aumento esponenziale dei nuovi casi provocati dal Sars-CoV-2, il virus che provoca appunto la malattia denominata Covid-19. Il forte aumento delle infezioni ha costretto già alcuni Paese del “Vecchio Continente” ad introdurre restrizioni più o meno forti alle libertà personali. Si pensi ad esempio all’Olanda, che ha introdotto un nuovo lockdown, così come accaduto anche in Austria, dove le restrizioni riguardano sia vaccinati che non. 

Ma in queste ore è arrivato il severo monito da parte dell’Organizzazione mondiale della Sanità, molto preoccupata da quello che sta succedendo in tutto il mondo. Il direttore generale di OMS Europe, Hans Kluge, nel consueto briefing tenuto dall’Ente internazionale con sede a Ginevra ha riferito che l’Europa, a causa anche del diffondersi della variante Omicron, rischia “una nuova tempesta” di contagi. Per questo Kluge ha invitato le persone già vaccinate con entrambe le dosi a sottoporsi alla terza nel più breve tempo possibile. 

Kluge: “Boost, boost”

“Boost, boost, boost” – così ha riferito in conferenza stampa Hans Kluge, esortando le persone ad effettuare la terza dose di vaccino. Per quanto riguarda le milioni di persone non ancora vaccinate le autorità hanno invitato questi ultimi a sottoporsi alla prima dose. Secondo Kluge la terza dose, o booster che dir si voglia, sarebbe molto efficace per contrastare gli effetti della variante Omicron

L’Ansa riferisce però che le parole di Kluge si discosterebbero da quanto sostenuto proprio dai vertici dell’agenzia Onu, l’OMS appunto, i quali avrebbero già ammonito i governi di tutto il mondo, inclusi quelli europei, che allo stato attuale delle cose sarebbe meglio cedere i vaccini alle zone del mondo che ne hanno bisogno

Già diversi Paesi europei hanno comunque introdotto restrizioni più o meno pesanti per contrastare questa quarta ondata di contagi che sta investendo l’Europa. Si teme che nelle prossime settimane, in alcune nazioni, i sistemi ospedalieri possano andare vicini al collasso. In Italia già diverse regioni hanno cambiato di colore, passando dalla zona bianca alla zona gialla, e non si esclude che diverse di loro possano passare in zona arancione o rossa nelle prossime settimane. 

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Fede Sanapo

Fede Sanapo - Quello che sta succedendo in Europa a causa del Covid è qualcosa che non si era mai visto dall'inizio della pandemia. C'è infatti un aumento esponenziale dei contagi nonostante i numerosi pazienti già vaccinati. Per questo le autorità hanno indicato che ci si dovrebbe sottoporre subito alla terza dose di vaccino, vaccinazione che potrebbe diventare obbligatoria a breve.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!