Iscriviti

Coronavirus, Veneto: riapertura soft, ancora prudenza

Attività motoria oltre i 200 metri da casa, picnic con i familiari in proprietà private il 25 aprile e il primo maggio. Ferme le imprese, solo il governo e le prefetture possono pronunciarsi.

Cronaca
Pubblicato il 13 aprile 2020, alle ore 18:02

Mi piace
Coronavirus, Veneto: riapertura soft, ancora prudenza

Il Veneto si prepara alla “fase 2“: non sarà un’apertura totale, come forse più di qualcuno s’aspettava, ma qualcosa si muove. Oggi il governatore del Veneto, Luca Zaia, ha firmato una nuova ordinanza e il lockdown immaginato la vigilia di Pasqua si è trasformato in un “lockdown soft“.

La speranza di tutti era che il provvedimento potesse “contenere una serie di indicazioni per le aziende da adottare in caso di ripresa delle attività“, scrive il Corriere della Sera on line, ed invece il presidente Zaia ha scelto ancora una volta la via della prudenza adeguandosi a governo e prefetture.

La tragedia non è conclusa e sono molto preoccupato che qualcuno possa pensare che è già finita“, ha affermato Zaia giustificando di non sentirsi ancora pronto alla “fase 2”, pur ammettendo che il Veneto è il territorio che più spinge per ripartire (questo è quanto si aspettano politici e imprenditori). E, subito dopo il Veneto, partirà la Liguria.

Una buona notizia per tutti, in questa “fase 2” da una partenza soft, è stata annunciata dal governatore veneto proprio questa mattina, 13 aprile 2020, durante la consueta conferenza stampa: tolto il limite dei 200 metri, è possibile fare attività motoria, purché si resti nei pressi della propria abitazione.

L’emergenza non è finita, è chiaro, ma intanto nel provvedimento si trova la riapertura dei mercati a cielo aperto con tutte le attenzioni necessarie per i generi alimentari e per l’abbigliamento dei bambini. La domenica e i festivi i supermercati resteranno chiusi. Chi esce di casa dovrà obbligatoriamente essere riparato con mascherine e guanti e non dovrà avere una temperatura sopra 37,5.

Il 25 aprile e il giorno della festa dei lavoratori, il primo maggio, si potrà fare il picnicma solo in proprietà private e con i familiari“. Tutto questo, ha affermato il presedente Zaia: “È un atto di fiducia verso i veneti“.

Video interessanti:
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!