Iscriviti
Roma

Coronavirus: trapianto di midollo riuscito per bimbo positivo, curato con il plasma iperimmune

Un bimbo di 6 anni, affetto da leucemia, è stato sottoposto a trapianto di midollo dopo aver superato il COVID-19, grazie all’utilizzo del plasma iperimmune

Cronaca
Pubblicato il 12 giugno 2020, alle ore 17:22

Mi piace
7
0
Coronavirus: trapianto di midollo riuscito per bimbo positivo, curato con il plasma iperimmune

Intervento di trapianto di midollo riuscito all’Ospedale Bambino Gesù di Roma su un bambino leucemico di sei anni, risultato positivo al COVID-19. Il piccolo, affetto da leucemia linfoblastica acuta, a marzo era risultato positivo al coronavirus, insieme ai suoi genitori.

Dopo il trattamento con il plasma iperimmune, donato da un paziente guarito, si è negativizzato, consentendo così ai medici di procedere con il trapianto delle cellule staminali donate dal papà, anche lui prima risultato positivo al COVID-19 e poi guarito.

La famiglia del bimbo era rientrata in autunno da Londra, dove risiedeva, per programmare il trapianto al piccolo. Durante lo screening, per valutare quale dei due genitori fosse il soggetto ottimale per la donazione delle cellule staminali, la scoperta della positività di tutti i membri della famiglia: la mamma con lievi sintomi, il papà e il bimbo asintomatici.

Un imprevisto che rischiava di compromettere la possibilità di effettuare il trapianto al piccolo paziente, con il rischio che un ritardo potesse dar luogo ad una recidiva della malattia. Da qui la decisione di procedere con una infusione di plasma iperimmune. Grazie al supporto dell’Istituto Spallanzani, è stato individuato il donatore, un paziente guarito dal coronavirus, ed è stato effettuato il prelievo presso l’Ospedale San Camillo.

Dopo aver ottenuto l’autorizzazione per uso compassionevole dal Comitato Etico del Bambino Gesù e il nulla osta del Centro Regionale Sangue, lo scorso 9 maggio è stato effettuato il trattamento con il plasma iperimmune al Centro Covid di Palidoro, ed in pochi giorni il bimbo si è negativizzato.

Guarito anche il padre, che era risultato il più idoneo per la donazione delle cellule staminali, lo scorso 29 maggio è stato effettuato con successo il trapianto. Il piccolo paziente attualmente è in ottime condizioni e non ha accusato nessuna complicazione dopo il trapianto e si spera, possa avviarsi verso la completa guarigione.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Costantino Ferrulli

Costantino Ferrulli - Una notizia positiva per diversi aspetti. Il primo, il più importante, che l'intervento è andato bene e il piccolo può guardare con più fiducia al suo futuro. Ma anche una collaborazione tra diversi presidi ospedalieri per un obiettivo comune, la salute del piccolo paziente. E per finire, l'efficacia della cura con il plasma, in attesa che arrivi il vaccino per sconfiggere il coronavirus.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!