Iscriviti

Coronavirus, nuovo modulo di autocertificazione

Il Ministero dell’Interno ha pubblicato, in data 17 marzo, un nuovo modulo di autocertificazione che giustifichi l'uscita da casa, il quale verrà controfirmato dalle forze dell'ordine.

Cronaca
Pubblicato il 17 marzo 2020, alle ore 23:25

Mi piace
4
0
Coronavirus, nuovo modulo di autocertificazione

L’Italia è ”zona rossa” ormai da 7 giorni a causa dell’emergenza del Coronavirus, in seguito alla velocità dell’aumento dei contagiati e del numero delle vittime, che fa temere soprattutto per il crollo del Sistema Sanitario Nazionale. Il primo ministro Conte ha, pertanto, decretato la limitazione dei movimenti in tutto il paese e dichiarato la quarantena; di fatto sono vietati tutti gli spostamenti, ad eccezione di comprovate esigenze come lavoro, situazioni di necessità e motivi di salute.

Ma questi spostamenti devono essere giustificati, quindi occorre presentare una dichiarazione firmata, un’autocertificazione, che può essere verificata dalla polizia. In data 17 marzo, il Ministero dell’Interno ha varato un nuovo modulo di autocertificazione che contiene una nuova direttiva in merito agli spostamenti, in quanto si dichiara di non essere sottoposti a quarantena e di non essere positivi al COVID-19. Il nuovo modulo è scaricabile gratuitamente dal sito ufficiale del Ministero dell’Interno.

Così come per il precedente modello, i cittadini italiani devono portare con sé questo documento, scaricarlo, stamparlo e tenerlo a portata di mano. La dichiarazione consta innanzitutto di una sezione in cui è necessario inserire una serie di dati: nome e cognome, luogo di nascita, indirizzo, numero di identificazione. Successivamente viene spiegato il senso del documento, in cui il firmatario afferma di conoscere le misure di contenimento del coronavirus in Italia.

Vengono anche menzionate le sanzioni a cui si è esposti in caso si dichiari il falso sulla necessità di uscire di casa. Chiunque violi le norme può rischiare fino a tre mesi di prigione ed essere accusato di un crimine contro la salute pubblica, oltre ad una multa di 206 euro. Nel caso in cui non si è in possesso di una stampante e ci trovassimo di fronte alle forze dell’ordine, è possibile consegnare loro una dichiarazione verbale trascritta sulla quale verranno poi attuate le varie verifiche per non incorrere in affermazioni mendaci.

Inoltre, secondo quanto afferma Luciana Lamorgese, ministro dell’Interno, ”il nuovo modello prevede anche che l’operatore di polizia controfirmi l’autodichiarazione, attestando che essa viene resa in sua presenza e previa identificazione del dichiarante. In tal modo il cittadino viene esonerato dall’onere di allegare all’autodichiarazione una fotocopia del proprio documento di identità”. È necessario ricordare di uscire solo in caso di estrema necessità, di limitare la circolazione e i contatti sociali, di rispettare rigorosamente le indicazioni degli esperti e di collaborare per fermare la diffusione del virus che, ad oggi, ha causato il decesso di 2.503 e contagiato 31.506 persone.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Paola Mele

Paola Mele - Ciò che stiamo vivendo ora è terribile e tutti siamo spaventati anche di ciò che avverrà al termine di questo brutto periodo. Abbiamo solo un dovere ora, quello di seguire rigorosamente le indicazioni degli esperti e collaborare per sconfiggere il virus con la massima responsabilità e anche con assoluta disciplina sociale.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!