Iscriviti

Coronavirus, il numero di contagi è 50 volte superiore a quello ufficiale

Il numero di infezioni legate al nuovo Coronavirus è superiore rispetto a quanto dichiarato dai dati ufficiali. C'è un'incongruenza legata a modelli poco accurati.

Cronaca
Pubblicato il 19 aprile 2020, alle ore 10:42

Mi piace
5
0
Coronavirus, il numero di contagi è 50 volte superiore a quello ufficiale

In California dei test sugli anticorpi hanno dimostrato come in realtà il numero di infezioni legate al nuovo Coronavirus sia almeno 50 volte superiore rispetto ai casi ufficiali. Questo, però, significa anche che il tasso di mortalità è più basso rispetto ai dati ottenuti. Dallo studio alcuni scienziati hanno mostrato delle preoccupazioni legate all’affidabilità dei kit utilizzati.

Sono state effettuate delle analisi del sangue ad inizio aprile su circa 3300 persone nella contea di Santa Clara. I risultati hanno confermato un caso positivo di Covid-19 ogni 66 abitanti. Questo significa che i contagi sono circa tra i 48 e gli 82 mila per 2 milioni di abitanti. Questo numero è completamente diverso, rispetto ai 1000 casi registrati ufficialmente.

Quanto è letale il Covid-19?

Uno studio simile è stato effettuato anche in Germania ed è stato pubblicato il 9 aprile. Sono stati effettuati test su 500 persone in un villaggio composto da oltre 12mila abitanti. I risultati hanno confermato un caso positivo ogni 7. Il motivo di questa incongruenza tra i dati ufficiali e quelli riscontrati effettivamente è dovuto principalmente al fatto che il virus ha iniziato a diffondersi almeno un mese prima rispetto alla sua scoperta.

I test ufficiali sono stati condotti, inoltre, considerando un piccolo campione di persone, il che potrebbe far pensare che i dati potrebbero essere non veritieri. Alcune indagini topografiche possono anche dare un’idea di quanto sia mortale il Covid-19. In questo caso si utilizza un’unità di misura chiamata tasso di mortalità per infezione (IFR): essa consiste nel considerare tutte le infezioni che hanno portato al decesso, considerando anche quelle non presenti nei test clinici.

Mediante un IFR è possibile avere un modello più accurato che potrebbe aiutare la sanità pubblica a rispondere in maniera adeguata. Ad esempio, se con l’IFR risulta meno tragica la situazione, si può rispondere diversamente anche in termini economici e sociali. Al momento è stato stimaco un IFR pari allo 0.5%, ma in alcune nazioni è stato prossimo allo 0.9%.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Francesco Menna

Francesco Menna - Stimare i decessi legati al Covid-19 non è una cosa semplice, perché tra i vari decessi che si verificano ogni giorno, ci sono anche persone che muoiono per altre cause ed è molto importante riuscire a suddividere i vari casi per riuscire a stimare valori quanto più possibile vicini a quelli reali.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!