Iscriviti

Coronavirus: ecco le misure varate dal Consiglio dei Ministri

Il governo prende l’iniziativa e avvia nuove misure di contenimento per contenere i focolai: previste conseguenze severe per i trasgressori dei divieti.

Cronaca
Pubblicato il 23 febbraio 2020, alle ore 18:36

Mi piace
5
0
Coronavirus: ecco le misure varate dal Consiglio dei Ministri

Con le ultime misure governative prende il via il divieto di allontanamento e di ingresso nelle zone individuate come focolaio del Coronavirus. Il decreto di emergenza avvia posti di blocco attorno ai paesi del contagio e crea al contempo dei corridoi sterili finalizzati a consentire il passaggio di merci e farmaci, rendendo così possibile l’approvvigionamento dei cittadini residenti.

Dopo i primi casi registrati in Lombardia ed in Veneto, dall’esecutivo si provvede quindi a “cinturare” i luoghi oggetto di trasmissione con l’obiettivo di contenere il problema ed evitare il crearsi di un’epidemia.

Le zone rosse vengono istituite laddove sono transitate o vivono le persone risultate positive ai test. Le misure prevedono l’interdizione della circolazione con divieti di accesso e di uscita controllati dalle forze dell’ordine, mentre anche intorno ai comuni di riferimento sono state sospese le attività scolastiche pubbliche e chiusi gli uffici.

Trasporti, farmaci e alimentari: scattano le misure contro la diffusione del Coronavirus

Al fine di garantire la funzione di contenimento delle zone rosse, il governo ha deciso la sospensione dei trasporti interurbani e locali. I treni non effettuano fermate nei Comuni interessati, mentre le corse di pullman e autobus sono sospese fino a nuovo ordine. Per quanto concerne i corridoi sterili, si tratta di percorsi controllati dalle forze dell’ordine e che permettono il passaggio dei fornitori, purché equipaggiati con appositi strumenti di protezione (guanti, mascherine e, nei casi necessari, tute).

A verificare che le zone di contenimento mantengano la propria efficacia ci saranno le forze dell’ordine ed i militari. L’impiego dell’esercito è stato deciso al fine di alleggerire i compiti delle forze di polizia e dei carabinieri, visto lo sforzo richiesto in queste ore al fine di dare seguito agli ultimi provvedimenti.

Per i trasgressori si prospetta l’applicazione dell’articolo 650 del codice penale, che prevede la contestazione del reato con l’arresto (fino a 3 mesi) oppure con l’applicazione di un’ammenda fino a 206 euro. Dal governo si esprime però fiducia verso la cittadinanza, con l’aspettativa che la comprensione del momento possa portare ad un clima collaborativo tra la popolazione.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Stefano Calicchio

Stefano Calicchio - Le recenti misure di contenimento decise dal governo prevedono divieti piuttosto drastici per le zone interessate, ma restano finalizzate ad evitare un ulteriore allargamento delle zone considerate maggiormente a rischio. La speranza è che tali decisioni possano aiutare a contenere il problema ed a ridurre il rischio di sviluppo di nuovi focolai, al fine di vedere una risoluzione della vicenda nel più breve tempo possibile.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!