Iscriviti

Coronavirus: è ufficiale, in Italia scuole e università chiuse fino al 15 marzo

Il provvedimento del governo volto alla chiusura delle scuole di ogni ordine e grado è ormai diventato ufficiale. Il decreto verrà illustrato in serata dal presidente del consiglio Giuseppe Conte.

Cronaca
Pubblicato il 4 marzo 2020, alle ore 19:48

Mi piace
12
0
Coronavirus: è ufficiale, in Italia scuole e università chiuse fino al 15 marzo

È ufficiale, in Italia le scuole di qualsiasi ordine e grado rimarranno chiuse dal 5 marzo al 15 marzo a causa dell’emergenza Coronavirus. È l’orientamento emerso durante una riunione svoltasi a Palazzo Chigi. Questa misura è stata presa dal governo a seguito del parere della commissione scientifica che già ieri aveva consigliato la chiusura per un mese degli eventi sportivi in tutto il Paese.

In serata verrà emesso un decreto d’urgenza avente efficacia immediata a firma del presidente del Consiglio Giuseppe Conte. L’annuncio è stato dato dalla ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina. Questa scelta non sarà priva di conseguenze, ma al contrario avrà un grade impatto sociale. Sarà infatti necessario imporre meccanismi utili a salvare comunque l’anno scolastico ed evitare che gli studenti possano subire un danno irreversibile della loro carriera scolastica.

Sono stati poi aumentati del 50% i posti di terapia intensiva e del 100% nelle unità di pneumologia e malattie infettive. Questa decisione non ha risparmiato neanche le prime reazioni politiche. Matteo Salvini, infatti, ha dichiarato che a seguito della chiusura delle scuole, bisogna stanziare aiuti per i genitori lavoratori, poichè risconteranno dei problemi con i figli a casa. Molti di loro non sapranno a chi lasciarli.

Per precauzione, il ministro dello Sviluppo economico Stefano Patuanelli è in auto-isolamento dopo l’incontro avvenuto il 25 febbraio scorso con l’assessore della Lombardia Alessandro Mattinzoli, risultato poi positivo al test del Coronavirus. Il viaggio in Mozambico del presidente della repubblica, Sergio Mattarella, previsto dal 10 al 12 marzo, è stato rinviato.

Forse, nel provvedimento d’urgenza, verranno vietate anche cerimonie, convegni e congressi. Il provvedimento definitivo verrà emesso in serata ed illustrerà in maniera analitica tutte le misure che il governo vuole mettere in atto per arginare l’emergenza Coronavirus. La situazione è in divenire ed in queste ore si susseguono a ritmo forsennato reazioni e pareri contrastanti non solo dal mondo politico ma anche soprattutto dall’opinione pubblica.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Beatrice Cinnirella

Beatrice Cinnirella - Le misure per prevenire questa situazione devono esserci ma, a mio parere, come al solito, i politici italiani stanno gestendo in malo modo tutta la vicenda, creando un panico generale nei cittadini e le conseguenze politiche di questa gestione si riflettono anche sugli italiani che vivono all'estero, i quali potrebbero essere esposti ad episodi di razzismo.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!