Iscriviti

Coronavirus, aumentano i contagi in Italia e in Russia

Salgono i contagi in Italia, specialmente in Veneto con +595 contagi. Peggiora esponenzialmente la situazione anche in Russia, dove si conta un record di 12.126 contagiati in 24h.

Cronaca
Pubblicato il 9 ottobre 2020, alle ore 15:48

Mi piace
5
0
Coronavirus, aumentano i contagi in Italia e in Russia

Attualmente i dati più preoccupanti arrivano del bollettino ufficiale della regione Veneto, che vede oltre 500 contagi in più rispetto a ieri. Oltre ai contagiati si contano tre vittime, che si sommano al numero complessivo di oltre 2.200 deceduti. Al riguardo il presidente del Veneto Luca Zaia ha dichiarato: “Oggi come oggi ci troviamo a fronteggiare un virus diverso da quello di febbraio-marzo, che non sta determinando un’emergenza sanitaria. Ciononostante continuiamo a intensificare gli sforzi di lotta e prevenzione“. 

In Russia si sono registrati oltre 12000 nuovi casi di Coronavirus in sole 24 ore, superando il record risalente a maggio, che porta la nazione al preuccupante numero di 1.272.238 contagiati. Chi rischia un lockdown è Mosca, l’intenzione sarebbe quella di contenere, per quanto possibile, la diffusione del virus che sta spopolando nel Paese. 

Di fatto la Russia risulta essere la quarta al mondo per maggior numero di casi registrati. Le parole del sindaco della capitale, Serghey Sobyanin, non sono positive, tant’è che lui stesso ammette che ci sono “molte persone malate“. Interessante anche l’opinione della vice premier, Tatiana Golikova, la quale afferma che si tratta di un aumento atteso e previsto dal ritorno al lavoro in presenza e non in smart working, collegato anche all’aumento dei malanni stagionali come l’influenza o la polmonite. 

Risulta però essere incerta la situazione scolastica; si pensava infatti ad un’eventuale chiusura delle scuole per tornare alla didattica a distanza. Ma queste voci sembrano essere state smentite del Ministero dell’Istruzione, che però estende le vacanze scolastiche d’autunno, prorogando i giorni dal 5 al 18 ottobre. 

Una speranza sulla quale lo stato si affida è la riuscita del nuovo vaccino che verrà registrato a breve. Lo ha detto il presidente Vladimir Putin, parlando ad una conferenza tenutasi assieme ai senatori della federazione russa. 

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Riccardo Benna

Riccardo Benna - Una situazione che può decisamente preoccupare, visto il continuo aumento di contagi in varie regioni d'Italia e nel resto del mondo, come ad esempio la Russia, che batte il record inizialmente registrato a maggio. Cercando di pensare positivo, un ringraziamento speciale va al sistema sanitario, che con impegno e dedizione si sta spendendo per prevenire e curare questa situazione pandemica.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!