Iscriviti

Cittadella: dopo la cerimonia di nozze, invitati messi tutti in quarantena domiciliare

A Cittadella, in provincia di Padova, dopo un ricevimento di nozze organizzato da una coppia di origine congolese, tutti gli inviatati sono stati messi in quarantena, in quanto il padre della sposa è risultato positivo al Covid-19.

Cronaca
Pubblicato il 10 luglio 2020, alle ore 12:40

Mi piace
3
0
Cittadella: dopo la cerimonia di nozze, invitati messi tutti in quarantena domiciliare

Il giorno del matrimonio, la luna di miele e tutto ciò che riguarda le nozze, dovrebbero essere momenti indimenticabili per una coppia: sicuramente, in questo caso, verrà dimenticato molto difficilmente, sia da loro che dagli invitati, in quanto tutti, sposi compresi, sono stati messi in quarantena.

Il padre della sposa è risultato positivo al tampone, è stato ricoverato in ospedale e tutti gli invitati sono stati messi in isolamento domiciliare, contattati dai servizi sanitari. Sono in tutto 91 le persone messe in isolamento dopo la cerimonia, in quanto provenivano da regioni diverse, addirittura non solo dall’Italia ma anche dalla Francia.

Tutto questo è successo a Cittadella, in provincia di Padova, nella giornata di sabato 27 giugno, quando tutti gli invitati a un ricevimento di nozze di una coppia di origine congolese sono stati messi in quarantena a causa del padre della sposa risultato positivo al Covid-19. Secondo quanto riportato dai media locali, le persone presenti non erano solo padovane, ma provenivano anche da altre regioni come Lazio, Lombardia, Piemonte, Friuli Venezia Giulia e alcune addirittura dalla Francia.

L’allarme è scattato quando il padre della sposa ha accusato i classici sintomi del Coronavirus: come da routine gli è stato fatto il tampone il quale è risultato positivo. È stato ricoverato in ospedale e sono scattate subito le ricerche su tutti i contatti avuti dall’uomo nei giorni precedenti. Dalle ricerche effettuate è emerso il matrimonio della figlia, quindi i sanitari si sono subito allertati, contattando tutti i familiari presenti alle nozze e li hanno posti in isolamento domiciliare.

Dal Veneto è subito scattato l’allarme per le altre regioni per far sì che contattassero tutte le persone, presenti al banchetto, della propria regione. A oggi, dall’inizio della pandemia nel Veneto, i contagi sono saliti a 19.364, con un incremento di 13 soggetti rispetto al giorno precedente.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Antonietta Ricciuti

Antonietta Ricciuti - Il giorno del matrimonio ovviamente si vorrebbero tutte le persone care al proprio fianco, amici, parenti vicini e lontani, ma in questo caso, soprattutto nel periodo che stiamo percorrendo, secondo il mio punto di vista, bisognava evitare di invitare così tante persone, che ora rischiano il contagio. Si poteva optare per una cerimonia più intima con i parenti più stretti, senza eccedere. Purtroppo questo è un periodo in cui per il bene comune bisogna rinunciare ad alcune cose e evitare assembramenti il più possibile, altrimenti rischiamo di ritornare di nuovo al punto di partenza.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!