Iscriviti
Venezia

Cellula jihadista a Venezia: obiettivo Rialto

Perquisizioni a Venezia, a Mestre e a Treviso. In arresto tre kosovari maggiorenni e fermato un minorenne. Tutti con regolare permesso di soggiorno.

Cronaca
Pubblicato il 30 marzo 2017, alle ore 11:37

Mi piace
9
0
Cellula jihadista a Venezia: obiettivo Rialto
Pubblicità

Le forze dell’ordine hanno arrestato tre persone originarie del Kosovo e fermato un minorenne, tutti e quattro sono residenti in Italia e posseggono un regolare permesso di soggiorno. 

Durante il cuore della notte, un’irruzione della Polizia e dei Carabinieri in una cellula jihadista presente nella città lagunare e in altre città del Veneto. Sono state eseguite ben 12 perquisizioni: dieci delle quali in centro storico a Venezia, una a Mestre ed un’altra a Treviso.

Impegnati nell’indagine sono stati gli uomini del reparto operativo dei Carabinieri che hanno messo a disposizione anche le loro unità cinofile, il personale dalla Digos di Venezia come anche il personale della Direzione centrale della Polizia di prevenzione e della Polizia scientifica, il nucleo degli Artificieri della questura di Venezia, tutti insieme hanno collaborato perché l’operazione andasse a buon fine.

Il blitz nelle abitazioni delle persone indagate è avvenuto dopo accurate ricerche degli investigatori attraverso un controllo capillare di persone nel territorio che ha fatto individuare la cellula jihadista. E’ scattata poi l’osservazione mirata del gruppo attraverso la ricostruzione delle dinamiche relazionali, l’osservazione della radicalizzazione religiosa dei vari componenti il gruppo, i luoghi che abitualmente frequentavano.

Secondo alcune prime intercettazioni, pare che stessero preparando un attentato: avrebbero voluto farsi saltare sullo storico Ponte di Rialto, passaggio obbligatorio per molti turisti, e fare così centinaia di morti.

Venezia, grazie al suo fascino ed ai monumenti storici, è una città frequentata ogni giorno dell’anno da innumerevoli turisti che insieme agli abitanti rischia di “saltare” se lasciata a se stessa. Per questo ultimamente, soprattutto nei giorni in cui è previsto maggior affollamento, sono stati insediati controlli nei varchi.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Marilena Carraro

Marilena Carraro - Un'operazione condotta bene porta i suoi frutti. Grazie a tutte le forze dell'ordine. Queste persone avevano regolare permesso di soggiorno, dicono. Forse è questo che mi sorprende un po'... ci preoccupiamo tanto di chi, affamato, senza un vestito dignitoso arriva mentre accanto a noi c'è chi mina la nostra vita.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!