Iscriviti

Catania, trovato senza vita il corpo del presunto assassino di Jenny Cantarero

Svolta tragica nelle indagini sul delitto di Misterbianco, in provincia di Catania. In queste ore il presunto assassino della 27enne, il 30enne Sebastiano Spampinato, è stato trovato senza vita in un casolare. Si sarebbe sparato un colpo d'arma da fuoco.

Cronaca
Pubblicato il 14 dicembre 2021, alle ore 14:12

Mi piace
0
0
Catania, trovato senza vita il corpo del presunto assassino di Jenny Cantarero

C’è purtroppo una tragica svolta nelle indagini del delitto avvenuto a Misterbianco, in provincia di Catania, venerdì scorso, quando la 27enne Giovanna, detta “Jenny” Cantarero, fu uccisa da alcuni colpi d’arma da fuoco mentre usciva da lavoro. Erano circa le 21:00 quando la giovane venne colpita all’uscita del panificio in cui lavorava. L’assassino l’avrebbe anche chiamata anche per nome, lei si è voltata e quel punto sono partiti i colpi. 

Uno di questi ha colpito Giovanna al volto. Le ferite erano talmente tanto gravi che la ragazza è caduta a terra senza più rialzarsi. I carabinieri e i sanitari del 118 l’hanno trovata sull’asfalto in una pozza di sangue. Da subito le indagini si sono concentrate su un 30enne, Sebastiano Spampinato, con cui Jenny avrebbe avuto un rapporto che viene definito “burrascoso”. Il presunto assassino, il 30enne appunto, è stato trovato senza vita in queste ore in un casolare.

Si è tolto la vita

Da quanto si apprende Spampinato si sarebbe tolto la vita sparandosi un colpo d’arma da fuoco. Il casolare in cui è stato trovato l’uomo si trova in zona Campo di Mare, alla periferia di Catania. L’uomo lavorava in un centro scommesse situato a Gravina di Catania. Era sposato, ma tempo fa aveva avuto una relazione con Giovanna Cantarero. 

Si sono vissuti momenti di tensione quando nel casolare sono giunti alcuni famigliari, che hanno inveito contro i giornalisti presenti. Le forze dell’ordine hanno gestito al meglio la situazione. Gli inquirenti, oltre al suicidio, non escludono altre piste alternative, anche se quella del gesto volontario rimane la più battuta. 

“Mio figlio era una brava persona, non è vero che era un pregiudicato. Sono state dette tante menzogne su di lui” – così ha dichiarato la madre di Spampinato ai giornali locali, in particolare a Catania Today. La tragedia di Misterbianco ha sconvolto non solo la Sicilia, ma l’Italia intera, anche per le modalità con cui il delitto è avvenuto Giovanna Cantarero lascia una bambina molto piccola, sua figlia. 

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Federico Sanapo

Federico Sanapo - Purtroppo ha un esito tragico la vicenda riguardo il delitto di Misterbianco, dove la 27enne Giovanna Cantarero è stata uccisa brutalmente mentre usciva da lavoro. Il suo presunto assassino è stato trovato morto, molto probabilmente si è tolto da solo la vita. Un dramma, quest'ultimo, che ha sconvolto anche i famigliari dell'uomo, nonchè quelli della vittima. Una tragedia nella tragedia.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!