Iscriviti

Catania, il cellulare non prende bene e lui trasgredisce i domiciliari: arrestato

A Palagonia, in provincia di Catania, un uomo di 28 anni è stato colto in flagrante mentre violava gli arresti domiciliari. Il trasgressore si è giustificato asserendo che il telefono cellulare non prendeva bene la linea.

Cronaca
Pubblicato il 21 agosto 2020, alle ore 10:48

Mi piace
3
0
Catania, il cellulare non prende bene e lui trasgredisce i domiciliari: arrestato

Riuscire ad ottenere gli arresti domiciliari è sicuramente un ottimo traguardo per un detenuto che, così facendo, ha la possibilità di scontare la propria pena più agevolmente. Spesso, quando il proprio legale chiede al giudice e ottiene tale sentenza, seppur provvisoria in attesa di processo, il trasgressore può beneficiare dell’opportunità di tornare nella propria casa.

L’atto deviante è un qualcosa che va sempre punito. Se poi questo non è eccessivamente grave, ecco che una possibilità viene concessa e quando viene concessa è necessario che si osservino alla lettera tutte le disposizioni giuridiche fornite. Il deviante deve rimanere in casa senza poter uscire nemmeno per un attimo e per nessuna ragione al mondo.

In diversi momenti della giornata, il trasgressore riceve la visita dei carabinieri necessaria per controllare che tutto proceda per il verso giusto. E proprio il sopralluogo della pattuglia di turno, a Palagonia in provincia di Catania, ha scoperto la violazione domiciliare per Francesco Cucuzza, 28 anni. Il giovane, ritenuto responsabile di evasione era stato sottoposto agli arresti domiciliari.

In tutta questa faccenda, ciò che ha del curioso e del bizzarro è la motivazione – sempre che corrisponda a verità – che Cucuzza avrebbe dato ai militari quando è stato poi trovato in una condizione diversa da quella che doveva essere. Il trasgressore si è allontanato dalla propria abitazione, pur non avendone il permesso e, quando le forze dell’ordine sono arrivate, il giovane è stato visto fuori dal proprio domicilio.

Alle contestazioni dei carabinieri, Cucuzza si è giustificato asserendo di essere uscito perché in casa il segnale del telefono cellulare non prendeva bene e lui non riusciva a chiamare. L’uomo, così come deciso dal giudice in sede di direttissima, è stato ricollocato agli arresti domiciliari. A fornire la notizia è stato il portale “Catania Today”, giornale online di Catania che si occupa di cronaca e notizie dai principali quartieri della città siciliana. 

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Tonia Sarracino

Tonia Sarracino - Personalmente credo che questa faccenda sia davvero bizzarra qualora la motivazione fornita dal deviante corrispondesse a verità. In sede giuridica però, ci viene insegnato che se un soggetto non è condannato non può essere ritenuto colpevole di quel reato e dunque, nel caso del trasgressore catanese, magari gli concediamo il beneficio del dubbio.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!