Iscriviti

Caserta, bambino di 10 anni positivo alla salmonella dopo aver mangiato dei würstel: lotto ritirato dal mercato

Come riportato dal sito "Fanpage" l'Asl di Caserta, dopo i dovuti accertamenti, ha ritirato dal mercato i "Würstel LeCock" con lotto/scadenza 02/03/23 L1.

Cronaca
Pubblicato il 19 novembre 2022, alle ore 12:04

Mi piace
0
0
Caserta, bambino di 10 anni positivo alla salmonella dopo aver mangiato dei würstel: lotto ritirato dal mercato

Ascolta questo articolo

Un bambino di 10 anni del casertano ha contratto un’infezione da salmonella gruppo B, che includono anche le salmonelle responsabili di tossinfezioni alimentari a rapida guarigione, dopo aver mangiato dei würstel di pollo e tacchino. Il bimbo, dopo aver mangiato il prodotto, ha manifestato immediatamente i primi sintomi di febbre, vomito, diarrea e dolori addominali.

Questo ha ovviamente aperto un’indagine per l’Asl di Caserta e dopo le verifiche è stato disposto il ritiro del prodotto dal mercato. La marca in questione, come riportato dal sito “Fanpage“, è la “Würstel LeCock” di pollo e tacchino SCARLINO in confezione da 10 unita da 100 gr cadauna con lotto/scadenza 02/03/23 L1, prodotto dal Salumificio Scarlino srl di Taurisano, in provincia di Lecce, distribuiti in molti esercizi commerciali della provincia di Caserta.

“La conferma della causa della tossinfezione alimentare” si legge nella nota dell’Asl: “Si è avuta a seguito di campioni ufficiali eseguiti sui wurstel dai servizi veterinari ed inviati all’Istituto Zooprofilattico del Mezzogiorno. Si tratta di Wurstel Lecock di pollo e tacchino ‘Scarlino’ in confezione da 10 unità da 100 grammi cadauna con lotto/scadenza 02/03/23 L1, prodotto dal salumificio Scarlino srl di Taurisano (Lecce) e distribuito in molti esercizi di vendita nel territorio della Campania e della provincia di Caserta”. A chi avrebbe già acquistato il prodotto è consigliato guardare il lotto o, meglio ancora, restituire subito i “Würstel LeCock” al negozio alimentare.

Non si tratta del primo caso di cibo contaminato, poiché negli ultimi giorni sempre nel casertano è arrivato un nuovo allarme per il merluzzo con l’allerta listeria sul territorio. L’allerta, come si legge da “Casertaprimapagina“, è arrivata dalla Danimarca a seguito di tossinfezione da Listeria Monocytogenes, batterio presente nel suolo, sull’acqua e nella vegetazione, che ha colpito almeno 7 persone. Il prodotto interessato è una preparazione refrigerata a base di merluzzo nordico a Marchio Sødergården in confezione da 340 g con scadenza 6/12/2022.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Emanuele Novizio

Emanuele Novizio - Fortunatamente i controlli hanno immediatamente evidenziato il problema e si consiglia a oggi, chi vive nel casertano, di controllare immediatamente i prodotti "LeCock" acquistati e nel caso restituirli al venditore o al massimo buttarli. Fino a questo momento non si sa quando la marca di wurstel ritornerà sul mercato casertano.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!