Iscriviti
Napoli

Cardito, Tony confessa: “La madre ha cercato di fermarmi mentre li colpivo. Li amavo, ho perso la testa”

Tony Essobtu Badre durante l'interrogatorio rivela alcuni particolari sull'omicidio del piccolo Giuseppe. La madre, infatti, avrebbe provato a sottrarre il figlio a quella terribile aggressione

Cronaca
Pubblicato il 30 gennaio 2019, alle ore 15:52

Mi piace
2
0
Cardito, Tony confessa: “La madre ha cercato di fermarmi mentre li colpivo. Li amavo, ho perso la testa”

Forti le dichiarazioni rilasciate da Tony Essobti Badre durante l’interrogatorio di convalida dell’arresto per aver ucciso il piccolo Giuseppe, di appena 7 anni, con una scopa.

Durante quei terribili momenti, infatti, secondo quanto ha dichiarato al gip del Tribunale di Napoli, la madre del piccolo avrebbe cercato di fermare la sua furia e quindi si salvare il figlio.

Dopo aver ammesso il terribile gesto, quindi, il 24enne si è lasciato andare a delle dichiarazioni davvero molto forti fornendo ulteriori particolari molto importanti. L’uomo ha, infatti, ammesso di aver colpito il piccolo con una scopa, ma anche con calci e pugni, reo di aver danneggiato la sponda del letto. Nonostante questo, però, Tony ha affermato di aver perso la testa perchè quel letto era stato comprato con non pochi sacrifici. Nonostante tutto lui li ha sempre amati come figli suoi quei bambini.

“Volevo bene ai ragazzi come fossero miei, ma quando hanno distrutto la cameretta, in particolare la sponda del letto acquistata con tanti sacrifici, ho perso la testa” ha dichiarato il giovane uomo. Durante la sua confessione fiume, però, Giuseppe parla anche della sua compagna e del suo disperato tentativo di salvare il figlio sottraendolo a quella terribile aggressione.

Intanto le indagini proseguono ed a breve arriverà l’esito dell’autopsia effettuata sul corpo del piccolo Giuseppe e che chiarirà ulteriormente la dinamica dei fatti.

Al momento gli inquirenti non escludono alcuna pista ed in questo momento stanno indagando anche sulla mamma e sulla situazione generale della famiglia. Nelle prossime ore, quindi, potrebbero arrivare importanti sviluppi che ci permetteranno di capire cosa succedesse ogni giorno in quella famiglia ma soprattutto cosa è avvenuto in quei terribili momenti che hanno portato alla morte del piccolo Giuseppe, che purtroppo è stato colui che ha pagato il prezzo più alto in questa terribile vicenda. Non resta che attendere.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Daniela Pisani

Daniela Pisani - E' davvero assurdo che ad oggi possa avvenire una cosa del genere. Mi auguro che questa mamma abbia fatto davvero tutto il possibile per salvare il figlio anche se, con più probabilità, per fare davvero qualcosa di concreto avrebbe dovuto allontanare quell'uomo dalla sua vita. Ritengo, infatti, che una simile tragedia sia stata sicuramente preceduta da diversi atti di violenza in casa. Impossibile che si trattasse di una famiglia tranquilla.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!