Iscriviti
Napoli

Cardito: i funerali di Giuseppe tra la tensione delle famiglie

Bloccati dalle forze dell'ordine e fatti uscire alcuni parenti del papà del piccolo Giuseppe. Inveivano contro la madre. Il vescovo di Pompei ha parlato di una "folle abitudine al male".

Cronaca
Pubblicato il 4 febbraio 2019, alle ore 06:33

Mi piace
8
0
Cardito: i funerali di Giuseppe tra la tensione delle famiglie

Si sono svolti ieri pomeriggio i funerali del piccolo Giuseppe, 7 anni ucciso una settimana fa dal convivente della madre. Mentre il feretro del piccolo Giuseppe veniva portato in chiesa per il rito funebre alcuni parenti del papà di Giuseppe hanno cominciato a rivolgersi in malo modo contro la madre tanto che le forze dell’ordine son dovute intervenire per bloccarli, invitandoli anche ad uscire di chiesa.

I funerali, celebrati dall’arcivescovo di Pompei, monsignor Tommaso Caputo, si sono svolti a Cardito, nella chiesa di San Giuseppe Sposo della Beata Vergine, erano presenti papà e mamma del piccolo, i sindaci di Pompei e Cardito e centinaia di persone.

Le parole del Vescovo

Papà e mamma erano là in chiesa, poco distanti dalla bara bianca del piccolo Giuseppe, ma lontani l’uno dall’altro, separati, come da tempo nella vita. Nessuno dei due ha avuto il coraggio di alzare lo sguardo sull’altro, a separarli anche l’immenso dolore che ora resta. Un dolore, ha detto monsignor Tommaso Caputo, che “toglie il respiro“.

L’arcivescovo di Pompei ha suggerito il “silenzio che possa oltrepassare il frastuono, il clamore attorno alla morte di Giuseppe”, per restare concentrati su di lui, ma anche sulle sue sorelline, che come Giuseppe hanno conosciuto la violenza nella speranza che esse ne “siano state sottratte per sempre“. 

Il Vescovo ha dato voce alla domanda, forse di tutti: “Cosa possiamo fare noi, come possiamo evitare che la violenza continui a regnare nella nostra società?” Suggerendo poi una risposta controcorrente come quella di chi volta le spalle, senza facili ripensamenti, “al disamore, ai soprusi, all’indifferenza, alle frustrazioni“.

L’arcivescovo di Pompei, monsignor Tommaso Caputo, nell’omelia ha parlato di indifferenza tale da impedire di cogliere il momento e la situazione di crisi, che ha definito come una specie di “folle abitudine al male”, tanto che le stesse istituzioni molte volte non riescono a prevenire e ad intervenire se non con fatica. 

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Marilena Carraro

Marilena Carraro - Penso che trovare parole capaci di consolare un cuore affranto dal dolore per la morte così prematura di un figlio - senza entrare nella vicenda - sia davvero difficile. Solo il pensiero di quanto quel bimbo e le sue sorelline abbiano sofferto fa rabbrividire. Tutti intorno gridano "Giustizia", ma quale? Forse la giustizia inizia dall'impegno di tutti a voltar le spalle all'indifferenza, al disamore...

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!