Iscriviti
Roma

Cadavere nel Tevere: è Alessio Zangrilli, il pugile scomparso lo scorso 10 ottobre

Finiscono in tragedia le ricerche di Alessio Zangrilli, il ragazzo di San Cleto scomparso da casa lo scorso 10 di ottobre. E' del 35enne il corpo privo di vita recuperato nelle acque del Tevere.

Cronaca
Pubblicato il 4 novembre 2021, alle ore 16:22

Mi piace
0
0
Cadavere nel Tevere: è Alessio Zangrilli, il pugile scomparso lo scorso 10 ottobre

Il macabro rinvenimento poco dopo le 8:00 di giovedì 4 novembre quando un passante ha segnalato un cadavere galleggiare nel fiume all’altezza di Ponte Milvio.

Trascinato dalla corrente del Tevere verso la zona dello stadio Olimpico. Sul posto sono quindi intervenuti i sommozzatori dei vigili del fuoco e gli agenti di polizia con i pompieri che sono poi riusciti a raggiungere il corpo e a recuperarlo sotto il Ponte Duca d’Aosta.

L’accaduto

È di Alessio Zangrilli il corpo trovato questa mattina a Roma nel Tevere, all’altezza del ponte Duca d’Aosta. Il giovane pugile era scomparso dalla sua abitazione di San Basilio lo scorso 10 ottobre, e da allora non si sono avute più sue notizie. Anche ieri sera la madre si era rivolta alla trasmissione ‘Chi l’ha Visto‘, rivolgendo un accorato appello al figlio per spingerlo a tornare a casa, e per esortare chiunque sapesse qualcosa a rivolgersi alle forze dell’ordine.

Purtroppo oggi, il tragico epilogo, con il corpo senza vita di Alessio avvistato questa mattina nelle acque del fiume. Sul posto le volanti, gli agenti del commissariato Borgo e i vigili del fuoco, che hanno recuperato il corpo all’altezza del ponte Duca d’Aosta.Alessio Zangrilli è scomparso dalla sua abitazione di San Basilio il 10 ottobre.

L’ultima a vederlo è stata una vicina verso le 15.30. Il giovane ha spento il cellulare e da allora non è stato più visto da nessuno. Sembra che stesse vivendo un periodo di fragilità, forse acuito dal fatto che aveva perso il lavoro a causa del covid.

Ultimamente era molto taciturno, di solito aveva una grossa parlantina, con il senno di poi possiamo pensare tante cose ma lì per lì abbiamo pensato fosse solo un momento come capita nella vita di ognuno di noi, un momento che non girava bene, non trovava lavoro, era un po’ più preoccupato“, aveva dichiarato ai microfoni di Chi l’ha Visto Mariano, storico allenatore della Palestra Popolare di San Lorenzo, dove Alessio si allenava. Per Alessio si erano mobilitate tantissime persone, la mamma, gli amici, i parenti, i maestri di boxe, e anche pugili famosi come Clemente Russo, che lo aveva invitato ad allenarsi insieme a lui.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Caterina Lenti

Caterina Lenti - Questa è una di quelle notizie che lascia tutti amareggiati. Si è persa ogni speranza di ritrovare vivo Alessio, il giovane pugile, il cui cadavere è stato trovato questa mattina nelle acque del Tevere. Pare che il giovane stesse vivendo un periodo di fragilità a causa della perdita del lavoro. Sono vicina, seppur virtualmente, al dolore dei familiari. Alessio, ora da lassù, veglia su chi ti amava. Riposa in pace campione.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!