Iscriviti

Brindisi, non i soldi per pagare il cibo e lo ruba dallo scaffale: una Guardia Giurata le salda il conto

L'episodio si è verificato in un supermercato a Ceglie Messapica, in provincia di Brindisi. Una guardia giurata si è accorta che qualcosa non andasse per cui si è avvicinato ad una cassiera che stava rimproverando un'anziana per capire cosa fosse successo.

Cronaca
Pubblicato il 20 agosto 2021, alle ore 20:40

Mi piace
0
0
Brindisi, non i soldi per pagare il cibo e lo ruba dallo scaffale: una Guardia Giurata le salda il conto

Un fatto di cronaca commovente si è verificato a Ceglie Messapica, in provincia di Brindisi. Infatti, secondo quanto riferisce la stampa locale, un’anziana signora si è recata in un supermercato del posto per poter fare delle compere. Non aveva però i soldi per poter pagare il conto, per cui ha preso qualche bene di prima necessità, per la precisione due pacchi di spaghetti e due scatolette di tonno, e si è avviata verso l’uscita del supermercato. Una cassiera però ha notato il tutto, e ha fermato la signora prima che potesse uscire dalla struttura. 

La cassiera ha quindi preteso immediatamente delle spiegazioni sul gesto della signora, quando all’improvviso nel supermercato si sono udite le stesse parole della cassiera, che avrebbe apostrofato l’anziana come “ladra”. Pochi minuti prima, una Guardia Giurata della società di sorveglianza Mondialpol Vedetta 2, in servizio a Ostuni, è entrata nell’attività commerciale per poter comperare un panino. Angelo Tetesi, questo il nome della Guardia, ha udito le urla per cui si è precipitato alla cassa per vedere che cosa stesse succedendo. 

Il gesto di solidarietà

Tetesi, originario di San Michele Salentino, ha quindi chiesto spiegazioni su quanto stava avvenendo. Intuendo le forti difficoltà economiche della signora, ha messo mano al suo portafoglio e ha pagato di sua spontanea volontà la spesa che aveva fatto la signora. La donna ha poi ringraziato di cuore la Guardia Giurata. 

“Ho fame, non i soldi per pagare” – così avrebbe detto in lacrime l’anziana signora. La vicenda si è conclusa così a lieto fine. Non vi è stato quindi bisogno di chiamare le forze del’ordine. Per motivi di privacy le generalità della donna non sono state rese note, così come neanche il nome dell’attività commerciale dove è avvenuto il caso. 

Si tratta di una vicenda umana estremamente delicata. Purtroppo sono molti gli anziani che, anche a causa della crisi economica provocata dalla pandemia di Covid-19, in questo periodo sono in difficoltà economica. Ogni tanto qualche episodio simile a quello di Ceglie Messapica accade anche in altre città italiane, ma spesso si tratta di fatti che si concludono a lieto fine. 

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Federico Sanapo

Federico Sanapo - Un episodio davvero particolare quello avvenuto a Ceglie Messapica, che ci fa capire di come moltissime persone anziane siano ormai in difficoltà. Sono episodi che accadono ma molto spesso queste povere persone trovano gente disposta a pagare la merce che provano a sottrarre illegalmente. Non lo fanno assolutamente per cattiveria, ma perchè molto spesso sono sole e per vivere hanno solo lo stretto necessario.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!