Iscriviti
Bologna

Bologna, ragazza di 24 anni viene trascinata in un parco e violentata: arrestato un 31enne

Il 2 Giugno la ragazza rientrava a casa dopo una serata trascorsa con gli amici, quando viene trascinata nel parco e violentata. L'aggressore è stato rintracciato: è un 31enne con precedenti penali per lesioni (da parte dall'ex fidanzata), e droga.

Cronaca
Pubblicato il 13 giugno 2019, alle ore 10:46

Mi piace
14
8
Bologna, ragazza di 24 anni viene trascinata in un parco e violentata: arrestato un 31enne

Il 2 giugno nelle prime ore dell’alba un ragazzo ha aggredito una studentessa napoletana di 24 anni trascinandola nel parco e violentandola. La polizia ha arrestato il sospettato che è un 31enne italiano, ma di origini brasiliane. Il ragazzo da piccolo fu adottato da una famiglia bolognese. Il 31enne è già noto alle forze dell’ordine per reati che hanno che fare con la droga e lesioni. Nel 2016 l’uomo era già stato denunciato per violenza sessuale dalla sua ex fidanzata.

L’aggressione è avvenuta quando la ragazza stava tornando a casa dopo aver trascorso una serata con i suoi amici. La giovane ha raccontato alla polizia di essersi resa conto di essere seguita, e di aver quindi telefonato ad un suo amico studente saudita residente a Bologna per avvertirlo. Nonostante il tentativo di chiedere aiuto, la ragazza non è riuscita ad evitare l’aggressione da parte di quel uomo incrociato poco prima.

Dal racconto della ragazza si evince che il trentunenne l’ha costretta con la forza a seguirlo all’interno di un parco nei pressi del “Dopolavoro Ferroviario”. Proprio in quel parco è avvenuto lo stupro: la ragazza inizialmente aveva descritto il ragazzo come un nordafricano ma, grazie alle testimonianze ottenute dagli inquirenti e delle indagini effettuate, si è potuto capire che il soggetto era di origini brasiliane.

La conclusione delle indagini e l’arresto

Al termine delle indagini, è stato arrestato un 31enne di nome Venturi: l’uomo è stato rintracciato nella propria abitazione, dove convive con l’attuale ragazza in zona Navile. Proprio nella zona di residenza dell’uomo, la polizia ha ritrovato gli abiti e lo zaino che indossava l’assalitore nel momento dell’aggressione.

Gli abiti lo zaino e ritrovati coincidono esattamente con la descrizione accurata della vittima che è stata indispensabile per poter rintracciare ed arrestare l’uomo. Durante le indagini la polizia, avvalendosi della descrizione dettagliata dell’uomo, è riuscita a rintracciarlo utilizzando i filmati delle telecamere di sorveglianza ed anche grazie alla testimonianza ricevuta dal gestore e del dipendente di una pizzeria che si trova all’interno del parco dove si è consumata l’aggressione.

L’aggressore era inoltre conosciuto dal cameriere poiché spesso gli si era presentato per chiedergli qualche spicciolo o una birra. La polizia ha ringraziato i testimoni perché non si sono fatti scrupoli nel dire ciò che sapevano dimostrando – aspetto non dato per scontato – coraggio e senso civico.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Daniela Marella

Daniela Marella - Concordo con la polizia nel ringraziare coloro che hanno deciso di testimoniare e di non girarsi dall'altra parte, poiché spesso i testimoni fingono di non aver visto e di non sapere nulla, cosa assolutamente sbagliata ma che si può capire poiché spinti dalla paura.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!