Iscriviti
Bologna

Bologna: bambina di 8 anni decide di donare i suoi capelli alle donne malate di cancro

Una bambina di 8 anni non tagliava i capelli da quando era molto piccola, sognava una chioma lunghissima. Vedendo la trasmissione "Braccialetti Rossi", ha scoperto che si potevano donare, ed allora ha deciso di donare la sua chioma

Cronaca
Pubblicato il 25 marzo 2019, alle ore 17:15

Mi piace
16
8
Bologna: bambina di 8 anni decide di donare i suoi capelli alle donne malate di cancro

Mavì è una bambina di 8 anni che vive a Crevalcore, in provincia di Bologna: sin da quando era piccolissima non voleva tagliare i capelli perché voleva raggiungere una chioma lunghissima, probabilmente come il personaggio delle favole di “Raperonzolo”, e come la sua compagna di gioco “Barbie”. 

La piccola guardava regolarmente, insieme alla sua famiglia, il telefilm di RaiUno “Braccialetti Rossi”. Guardando la trasmissione, non capiva come mai alcuni personaggi in alcuni momenti avevano i capelli lunghi ed in altri non li avevano più. La mamma ha deciso di spiegare alla piccola che alcune persone, a causa di una malattia, devono fare delle cure che fanno perdere i capelli. Per spiegare l’alternanza, capelli e non capelli, ha raccontato a Malì che alcune persone decidono di utilizzare delle parrucche per nascondere l’assenza dei capelli, e per sentirsi “normali”. La mamma ha spiegato che spesso le parrucche vengono fatte con capelli veri.

La piccola si domandava come fosse possibile e, quindi, le è stato spiegato che esiste la “Banca dei Capelli” presso cui si può donare la propria chioma per poter realizzare delle parrucche per i malati di tumore di ogni età.

La donna racconta che, dopo questa spiegazione, “Malì ha cambiato idea in modo del tutto naturale e spontaneo. Ha deciso di tagliare i capelli e di donarli“. La piccola ha deciso che non aveva senso continuare a far crescere i suoi capelli, e che avrebbe avuto molto più senso donare i suoi lunghissimi capelli a quelle persone che non avevano più i propri a causa della chemioterapia.

Malì, quando ha deciso di tagliare i capelli, li aveva lunghi 80 centimetri. I genitori si sono messi in contatto con l’associazione Onlus Prometheus, che gestisce il Progetto Smile, in stretta collaborazione con la “Banca dei Capelli” e con Fabio Federici, per eseguire il taglio. La piccola ha deciso di donare il più possibile, ed è riuscita ad offrire una chioma lunga 70 cm, conservando una lunghezza di 10 cm.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Daniela Marella

Daniela Marella - Un gesto stupendo che può sembrare banale e sciocco, ma che non è così visto che - per chi si trova a vivere la guerra contro il cancro - vedersi senza capelli è un trauma. Spesso si sentono dire "sono solo capelli, ricrescono": ebbene, non è così, e vedersi senza neanche un capello, senza soppracciglia o ciglia, le fa sentire anormali ed ancora più malate. Brava Malì.

Lascia un tuo commento
Commenti
Maria Guerricchio
Maria Guerricchio

25 marzo 2019 - 21:58:47

Bravissima! Un futuro è possibile.

0
Rispondi