Iscriviti
Bologna

Bologna, 43enne fa a pezzi la fidanzata e si suicida: era in cura per problemi psichiatrici

Una vicenda, quella de ritrovamento del corpo di Emma Pezemo, fatto a pezzi, in un cassonetto, davvero sconvolgente che ha lasciato sotto choc l'intera Bologna, a cui si aggiunge il suicidio del fidanzato che l'ha uccisa. Gli inquirenti sono al lavoro.

Cronaca
Pubblicato il 3 maggio 2021, alle ore 12:31

Mi piace
0
0
Bologna, 43enne fa a pezzi la fidanzata e si suicida: era in cura per problemi psichiatrici

Una notizia che ha scosso fortemente Bologna, sotto choc per il ritrovamento del cadavere di una ragazza 31enne, Emma Pezemo, uccisa e fatta a pezzi dal suo fidanzato, per poi essere gettata in un cassonetto in via Togliatti, in una zona periferica della città. Originaria del Camerum, sognava di diventare infermiera e aveva iniziato a frequentare da poco un corso di operatore socio-sanitario. 

Il suo omicida, il fidanzato 43enne Jacques, si è suicidato, confessando l’omicidio della ragazza in un biglietto scritto in francese, rinvenuto nella stanza dove è stato ritrovato impiccato. La giovane aveva trascorso con il compagno tutta la giornata senza far ritorno a casa e questo aveva fatto preoccupare le sue coinquiline che hanno contattato il 43enne. L’uomo ha dichiarato di non sapere dove fosse Emma, aggiungendo, a fine telefonata un “Non preoccupatevi per lei“.

Le ricerche e il ritrovamento dell’uomo suicidatosi

Grazie alla tempestività con cui le coinquiline hanno allertato le forze dell’ordine, le ricerche sono scattate immediatamente. Gli agenti, non riuscendo a contattare Jacques, lo hanno raggiunto presso il centro servizi Papa XXIII di via Roma, dove lo hanno trovato impiccato…un suicidio, il suo, già in precedenza tentato, ingerendo dell’acido.

Sul tavolo è stato ritrovato un biglietto in francese che dice:”Non vi preoccupate per il corpo di Emma” e tutta una serie di altre frasi sconnesse sulla loro storia d’amore, con molte parole in cui si concentrava sul denaro speso per lei. Nei prossimi giorni i due corpi verranno sottoposti ad autopsia e non è esclusa, al momento, nessuna ipotesi. Certo, se dovesse emergere una terza persona, lo scenario diventerebbe ancora più inquietante.

I problemi psichiatrici 

Le indagini non si fermano, si cercano riscontri a quella che, allo stato attuale, sembrerebbe la spiegazione del caso: un uomo, in cura per problemi psichiatrici, ha ucciso la fidanzata, massacrato barbamente il suo corpo, facendolo a pezzi con un’ascia o un macete, secondo quanto ci dice la scientifica, per poi togliersi la vita.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Caterina Lenti

Caterina Lenti - Si è trattato un un omicidio-suicidio, chiudendo il caso che ha sconvolto la città di Bologna, oppure il quadro è ancora più inquietante, per via di altre persone coinvolte? Confido nel lavoro che gli inquirenti stanno effettuando a ritmo serrato, in modo da poter ricostruire l'esatta dinamica di questa terribile vicenda, tra le più forti degli ultimi tempi.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!