Iscriviti

Biella, trovato il corpo di Riccardo Nerva: era scomparso giovedì scorso

Scomparso da casa il 27 dicembre scorso, le indagini si sono concluse nel modo peggiore: è stato ritrovato il corpo privo di vita di Riccardo Nerva, ora le indagini per scoprire le cause della morte.

Cronaca
Pubblicato il 31 dicembre 2018, alle ore 12:01

Mi piace
2
0
Biella, trovato il corpo di Riccardo Nerva: era scomparso giovedì scorso

Non si avevano più notizie di Riccardo Nerva da giovedì scorso, il 27 dicembre, quando la famiglia ha scoperto che il 28enne non si trovava dalla fidanzata, com’erano convinti, e hanno così lanciato l’allarme della sua scomparsa.

A diramare la prima richiesta di aiuto è stata la sorella Stefania tramite il profilo social di Facebook, in cui ha raccontato l’accaduto e descritto fisicamente il fratello, con la speranza che qualcuno lo incontrasse e potesse dar loro notizie.

Dalle ricerche al ritrovamento

La famiglia del 28enne era convinta che il ragazzo si trovasse in compagnia della fidanzata, solo nel pomeriggio presto di giovedì scorso hanno saputo dalla stessa ragazza di non aver notizia di Nerva ormai da delle ore, da qui è scattato l’allarme.

In molti si sono uniti per le ricerche del 28enne; insieme ai vigili del fuoco, il soccorso alpino, la protezione civile e moltissimi concittadini del giovane e amici della famiglia hanno provato, nel loro piccolo, a dare una mano per ritrovare Riccardo il prima possibile. 

Riccardo aveva lasciato la sua automobile presso il Santuario di Oropa, in provincia di Biella, vicino alla salita per la Buscana. Il 28enne era un appassionato di montagna e si suppone si sia allontanato da solo per fare una passeggiata. Dopo aver individuato la sua vettura sono iniziate le ricerche sulla zona per trovare il giovane. Nella giornata di ieri, verso le 14, è stata fatta la tragica scoperta: sotto la parete Piacenza del Monte Mucrone è stato ritrovato il corpo privo di vita di Riccardo.

I soccorsi stanno procedendo con il recupero della salma che verrà poi sottoposta all’autopsia per accertare le cause della morte. Non si esclude ancora nessuna pista, per quanto si pensa possa essersi trattato di un malore.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Marta Lorenzon

Marta Lorenzon - L'anno si conclude nel modo peggiore per la comunità di Biella e per la famiglia di Riccardo. La nostra vicinanza va ai suoi genitori, alla sorella, alla fidanzata e a tutti coloro che conoscevano Riccardo e che ora stanno soffrendo per la sua prematura morte. A voi il nostro più caloroso abbraccio.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!