Iscriviti
Bari

Bari, 31enne disabile muore di stenti. Dito puntato sui genitori

Per anni, secondo le prime indagini, i genitori avevano rifiutato l'intervento dei servizi sociali. Giovane donna disabile morta per stenti. L'autopsia chiarirà le cause del decesso.

Cronaca
Pubblicato il 10 gennaio 2018, alle ore 14:37

Mi piace
8
0
Bari, 31enne disabile muore di stenti. Dito puntato sui genitori
Pubblicità

Ogni vita, da quella nel grembo della madre a quella anziana, sofferente e malata, a quella scomoda e persino ripugnante, va accolta, amata e aiutata“, lo aveva detto Papa Francesco pochi giorni fa, durante l’Omelia del 1° Gennaio nella solennità dedicata alla Madre di Dio. Ma, come a volte accade, le sue parole sono andate a vuoto. Il 6 Gennaio i carabinieri di Polignano a Mare (BA) hanno trovato una donna di 31 anni disabile morta per abbandono.

A chiamare i carabinieri sono stati gli stessi genitori dopo aver trovato la figlia morta nella propria abitazione di Polignano Mare. All’allarme dei genitori hanno risposto investigatori e sanitari che sono precipitati nell’appartamento, dove hanno potuto verificare che le condizioni igieniche dell’abitazione erano molto precarie e in questa situazione la donna, disabile, era costretta a vivere.

Secondo le prime indagini, il decesso potrebbe essere avvenuto per stenti. Per il momento i genitori sono indagati dalla Procura di Bari, contro di loro pende l’ipotesi di aver abbandonato la “figlia incapace“, ipotesi aggravata dalla morte. 

Da quanto accertato fino a questo momento – l’inchiesta è condotta e coordinata dal pm Bruna Manganelli –, pare che i genitori abbiano rifiutato per anni l’assistenza dei servizi sociali per la loro figlia. Questo è solo uno dei motivi per ipotizzare la responsabilità della coppia nella morte della figlia. Secondo la magistratura infatti dal rifiuto dell’assistenza sociale sarebbero scaturite altre conseguenze che hanno portato alla morte della 31enne disabile e che si potevano facilmente evitare: la denutrizione, la mancanza di cure adeguate in un contesto di mancanza d’igiene.

Sul corpo della donna sarà eseguita l’autopsia per stabilire il motivo esatto della morte. Il medico legale Antonio De Donno, ieri, ha ricevuto l’incarico di eseguire gli accertamenti medico legali che verranno svolti presso l’istituto di medicina legale del Policlinico di Bari.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Marilena Carraro

Marilena Carraro - Mi raccontano che anni fa, molti anni fa, durante una visita pastorale il Vescovo di allora mons. Bortignon aveva notato nascoste in alcune case persone disabili. "Nascoste" perché per qualcuno avere un disabile in casa era motivo di vergogna. Di qui l'idea di aprire una casa che desse dignità a queste persone: l'OPSA, ancora attivo a Sarmeola di Rubano PD. Se le parole di Papa Francesco - la vita è un dono, sempre -, non attecchiscono in chi prova "vergogna" e disagio, sappia almeno che ci sono centri pronti ad accogliere queste persone, non solo a Padova... perché la vita abbia la sua dignità, sempre e comunque.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!