Iscriviti
Bari

Bari, 27enne ucciso per strada: torace schiacciato con le ginocchia per 16 minuti

Il suo torace sarebbe stato schiacciato con le ginocchia per 16 minuti. Così il 31enne Francesco Assunto avrebbe ucciso domenica mattina il 27enne Giovanni Palazzotto. "Non volevo ucciderlo", si difende il barista accusato.

Cronaca
Pubblicato il 23 novembre 2022, alle ore 21:29

Mi piace
0
0
Bari, 27enne ucciso per strada: torace schiacciato con le ginocchia per 16 minuti

Ascolta questo articolo

Col passare dei giorni si fa sempre più chiara la dinamica della morte del 27enne Giovanni Palazzotto, ucciso domenica mattina all’esterno del bar “Coffee Time” gestito dal 31enne Francesco Assunto. Il 27enne sarebbe morto per presunta asfissia dopo che il 31enne ha schiacciato il suo torace con le ginocchia per 16 minuti.

I testimoni raccontano che Palazzotto è stato colpito da 6 pugni violenti, e poi per 16 minuti Assunto ha caricato tutto il suo peso con le ginocchia “sulla parte dorsale della gabbia toracica“, spingendo anche con le mani per bloccarlo, mentre due complici gli tenevano ferme le gambe. Così la pm Chiara Giordano ha ricostruito gli eventi che hanno portato alla morte del 27enne nella richiesta di convalida dell’arresto in flagranza per Assunto, accusato di omicidio volontario. La dinamica è stata identificata grazie agli elementi raccolti dai testimoni oculari e dalle immagini riprese dalla telecamere di videosorveglianza nel luogo.

Giuseppe Giulitto, l’avvocato difensore del barista accusato dell’omicidio, ha dichiarato: “Francesco Assunto stamattina ha risposto a tutte le domande del gip e ha ribadito di non aver avuto intenzione di uccidere“. Il presunto assassino è stato ascoltato dal gip del Tribunale di Bari Antonella Cafagna per l’interrogatorio di garanzia.

L’uomo ha raccontato che, all’alba di domenica, la vittima avesse cercato di entrare con la forza nel bar di Assunto. “Il mio assistito ha detto di aver bloccato Palazzotto per impedirgli di entrare nel suo bar, visto il suo stato psicofisico alterato“, spiega l’avvocato. “Mentre lo teneva per terra ha più volte chiesto di chiamare carabinieri e 118, come emerge dagli audio delle telecamere. E ha più volte buttato acqua in faccia a Palazzotto per farlo riprendere. Questo vuol dire che in lui non c’era intenzione di uccidere“.

Di diversa opinione la ricostruzione del pm, secondo la quale dopo i sei pugni, il 31enne avrebbe gravato sulla schiena della vittima con tutto il peso del corpo per 16 minuti, aiutato da altre persone anche loro indagate. “Il mio assistito ha continuato a tenere fermo Palazzotto perché si dimenava con forza“, difende l’avvocato.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Anna Santini

Anna Santini - È morto come George Floyd in America, la gente sembra troppo stupida da capire che se si schiaccia la gabbia toracica di una persona, i polmoni non possono immettere aria e si muore per arresto cardiocircolatorio causato da asfissia. Sembra una cosa stupida da dire, ma tutti dovrebbero provare cosa vuol dire lo schiacciamento di questo tipo, è incredibile quanto tolga il fiato.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!

Benvenuto

Continua in modo "Gratuito" Accetta i cookies per continuare a navigare con le pubblicità Informazioni su pubblicità e cookies nella nostra Informativa sulla Privacy
oppure, attiva un Abbonamento l'abbonamento ti permette di navigare senza tracciamenti Hai già un abbonamento? Accedi al tuo profilo

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Quisque tincidunt est est, in vulputate nisi eleifend eu. Pellentesque at auctor mauris, sed vestibulum tortor. Sed ac lectus hendrerit, congue dui quis, rhoncus purus. Morbi vel ultrices ex. Vestibulum nec venenatis magna. Duis quis egestas lorem. Vivamus imperdiet purus sit amet convallis interdum. Vivamus orci erat, porttitor at aliquam et, ultrices ac sapien. Interdum et malesuada fames ac ante ipsum primis in faucibus. Cras orci mi, maximus sed suscipit ut, hendrerit ut augue. Duis enim augue, gravida et nisi nec, auctor pellentesque neque. Donec sollicitudin a dui non placerat. Integer eu scelerisque leo. Nulla facilisi. Aliquam in aliquam mauris. Suspendisse potenti. Donec efficitur leo id nunc imperdiet, ut pretium velit interdum. Aliquam eu sem et nisi pretium consequat. Ut at facilisis ex, in sollicitudin justo. Nunc maximus vulputate ipsum, non pharetra turpis luctus in. Suspendisse potenti. Nunc mattis est elit, nec varius risus blandit vestibulum. Proin id diam ac lacus dignissim finibus.