Iscriviti

Bambino con 40 di febbre, il medico non vuole visitarlo. Denunciato

Il medico Gerardo Marino è stato rinviato a giudizio per non aver voluto visitare un bambino che aveva 40 di febbre. Il medico si limitò a fare una diagnosi telefonica. Rabbia da parte dei genitori!

Cronaca
Pubblicato il 24 febbraio 2014, alle ore 13:56

Mi piace
0
0
Bambino con 40 di febbre, il medico non vuole visitarlo. Denunciato

La vicenda si svolge a Belluno durante una notte tra il sei e il sette Febbraio. Un padre sconvolto per il proprio bambino di appena sette anni, chiama il medico e lo implora di visitarlo. Il medico, Gerardo Marino di 50 anni, che era di turno, si limita a fare una diagnosi attraverso il telefono. I genitori, preoccupati, continuano a chiedere l’intervento del medico e quando la madre con insistenza descrive i sintomi molto preoccupanti del bimbo, il medico, quasi scocciato da questa richiesta dice: ” Scusate, ma siete medici?”.  I genitori del bambino, a questo punto,  chiamano l’autoambulanza con il 118 e quando arriva, gli infermieri fanno richiesta al medico per far visitare il bimbo ma ancora una volta Gerardo Marino si rifiuta di visitare il piccolo paziente che verrà portato all’ospedale e dove verrà curato. I genitori raccontano l’accaduto ai medici dell’ospedale, i quali fanno scattare la denuncia. Gerardo Marino rischia dai sei mesi ai due anni di reclusione. I capi di accusa sono rifiuto e  omissione di atti di ufficio.

Una vicenda analoga successe nel 2010, in quel caso il bimbo aveva solo dieci mesi e la guardia medica si rifiutò di andare a vistare il neonato. In quel caso, il medico ebbe un anno di reclusione.

Anche l’ordine dei medici deve esaminare le circostanze che si portano in Consiglio e successivamente si valuta se il medico deve essere oggetto di qualche procedimento.

Il dovere di un medico è quello di tutelare la vita, la salute fisica e psichica dell’uomo senza discriminazione di sesso, religione e razza. Un medico non può mai rifiutarsi di prestare soccorso e deve attivarsi a prestare tempestivamente assistenza ai pazienti.

Il reato di cui si è macchiato Gerardo Marini è descritto nell’articolo 328 del Codice Penale che dice: “Il pubblico ufficiale che indebitamente rifiuta un atto del suo ufficio che per ragioni di giustizia, ordine pubblico, igiene o sanità, dev’essere compiuto senza ritardo”.

In questo caso ci sono tutti i presupposti affinchè questi genitori che si sono visti rifiutare una visita da un medico per il loro bambino, possano avere giustizia anche per l’ansia e la preoccupazione.

Video interessanti:
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!