Iscriviti
Roma

Atterrato a fiumicino l’ultimo aereo italiano da Kabul

Si conclude l'operazione "Aquila Omnia", a bordo del C-130 anche l'Ambasciatore Pontecorvo "Vie terrestri aperte, si può viaggiare". Atterra a Fiumicino l'ultimo volo del ponte aereo di Kabul, Di Maio ringrazia il console per aver onorato il Paese.

Cronaca
Pubblicato il 28 agosto 2021, alle ore 15:31

Mi piace
2
0
Atterrato a fiumicino l’ultimo aereo italiano da Kabul

Il Ministro Di Maio presente allo scalo romano dice soddisfatto: “siamo il primo Paese dell’Unione Europea per i cittadini afghani evacuati”. Dopo lo scalo a Kuwait city, è atterrato a Fiumicino alle 8:04 il Boeing 767 con 110 passeggeri tra cui 58 cittadini afghani ovvero l’ultimo volo dell’Aereonautica militare per il ponte aereo umanitario tra l’Afghanistan e l’Italia.

Si conclude con questo arrivo l’operazione iniziata a Ferragosto “Aquila Omnia”, a bordo dell’aereo erano presenti anche l’Ambasciatore Stefano Pontecorvo con lo staff Nato, il Console Tommaso Claudi ed i carabinieri del Tuscania che erano rimsti ancora sul posto.

All’arrivo del volo Di Maio ringrazia dapprima i carabinieri del Tuscania perchè senza di loro non avrebbero potuto garantire la presenza del nostro console Claudi e e dell’Ambasciatore Pontecorvo, ed ha sottolineato di essere il primo Paese dell’Unione Europea per i cittadini afghani evacuati. Spiega l’Ambasciatore Pontecorvo che le vie terrestri sono aperte, si può viaggiare con la relativa calma e parlando con Rainews 24 afferma che con la giusta attrezzatura l’aereoporto potrà riaprire nel giro di una settimana.

 Dall’Afghanistan “sono state portate via 120.000 persone, come un capoluogo di provincia”. E “il 40% dei voli” che ha effettuato i ponti aerei “erano non Usa”, specifica l’ambasciatore.

Luigi Di Maio ringrazia anche l’Intelligence e tutte le donne e gli uomini del ministero della Difesa per il grande servizio che hanno prestato al Paese. Poi aggiunge che una prima fase è finita, ma è inutile nascondere che adesso inizia quella più difficile: ci sono tanti cittadini afghani che aspettano ancora di essere evacuati. E annuncia di aver sentito il rappresentante delle Nazioni Unite dell’UNHCRFilippo Grandi: “Lo abbiamo invitato all’incontro straordinario europeo della settimana prossima per poter fare il punto con le agenzie e le organizzazioni delle Nazioni Unite”.

Si augurano che queste ed il numero più alto possibile delle associazioni non governative possano restare sul territorio afghano e quindi rappresentare un presidio di tutela dei diritti umani e della salute del popolo afghano. 

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Chiara Mazzarella

Chiara Mazzarella - Questa è l'ennesima dimostrazione che il nostro Paese è tra i più democratici e civili al mondo, in parte dovremmo esserne orgogliosi e dobbiamo ringraziare i nostri soldati per il lavoro svolto. Ovviamente con queste situazioni c'è un pericolo maggiore delle infiltrazioni terroristiche in Italia per cui ci dovrebbero essere maggiori controlli.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!