Iscriviti

Assolta 41enne di Frosinone: aveva riattaccato il gas per sfamare i suoi figli

E' stata assolta per buona fede e tenuità del fatto una casalinga 41enne di Frosinone che ha riattaccato il gas per sfamare i suoi figli e riscaldare la sua abitazione. Per la crisi, non riusciva a fronteggiare le spese domestiche e delle bollette.

Cronaca
Pubblicato il 20 novembre 2020, alle ore 12:00

Mi piace
1
0
Assolta 41enne di Frosinone: aveva riattaccato il gas per sfamare i suoi figli

Sono tempi delicatissimi questi, segnati dalla pandemia di Covid-19 e dalla crisi economica, che va a braccetto con quella sanitaria. Ha commosso il web un episodio accaduto a Frosinone, avente per protagonista una giovane donna, 41enne, casalinga, che è stata denunciata e portata in tribunale per aver violato i sigilli dell’erogazione del gas metano per un consumo totale di 551,05 euro.

La sua storia è davvero toccante, come quella di molte altre famiglie italiane. Dopo la perdita del lavoro da parte del marito, la famiglia si è ritrovata a non riuscire più a fronteggiare le spese domestiche e i pagamenti delle bollette, al punto che la società erogatrice ha deciso di staccare il gas.

La donna si è trovata all’improvviso di fronte ad un bivio: non far mangiare nulla ai suoi 2 figli piccoli o violare il contatore. Ma ogni mamma sarebbe disposta a far follie, pur di vedere i propri bambini felici ed è stato questo che è accaduto anche a Frosinone. La donna ha deciso di riattaccare il gas per cucinare e scaldare la sua abitazione.

L’assoluzione in Tribunale

L’imputata, difesa dall’avvocato Carlo Coratti, è riuscita a dimostrare che non aveva violato i sigilli per arrecare un danno alla società erogatrice della fornitura ma solo perchè spinta da uno stato di necessità.

Nello specifico, avrebbe manomesso il sigillo e riaperto la valvola, riuscendo a prelevare il gas necessario per riscaldare e cucinare. La sua buonafede è stata avvalorata dal fatto che avesse chiesto il pagamento rateizzato dell’intero importo del consumo e così è accaduto.

Il giudice ha assolto la casalinga, accogliendo la tesi della difesa, per tenuità del fatto. Nonostante la propensione al risparmio delle famiglie italiane, sono in molte a temere che la situazione economica possa peggiorare fortemente nel prossimo futuro. E se i consumi calano (quelli per divertimento o aperitivi fuori casa, ad esempio), crescono, secondo gli ultimi dati, le preoccupazioni per spese impreviste.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Caterina Lenti

Caterina Lenti - La storia della casalinga di Frosinone, assolta per buonafede, dopo aver riattaccato il gas per poter sfamare i suoi figlioletti, ci fa riflettere sulla gravità della crisi economico-finanziaria, correlata alla crisi sanitaria della pandemia. Per fortuna, il giudice è stato dalla sua parte, assolvendo l'imputata per tenuità del fatto. Giustizia fatta!

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!