Iscriviti
Bologna

Angelo, 12 anni, perde una gamba in un incidente in bici: al Rizzoli torna a camminare nel giorno di Natale

Angelo, un ragazzino dodicenne pugliese, perde parte della gamba destra in un incidente in bici. Grazie ad una protesi su misura realizzata dal dottor Faldini al Rizzoli di Bologna, torna a camminare. Un autentico miracolo di Natale.

Cronaca
Pubblicato il 29 dicembre 2020, alle ore 10:56

Mi piace
1
0
Angelo, 12 anni, perde una gamba in un incidente in bici: al Rizzoli torna a camminare nel giorno di Natale

La storia del piccolo Angelo, 12enne pugliese, inizia con un incidente: una caduta apparentemente banale dalla bici, il polpaccio che sbatte contro un fascio di ferro, sino all’amputazione di parte della gamba destra. Arrivato al Rizzoli, ad agosto, il ragazzino presentava anche una severa infezione. Il dottor Faldini, direttore della clinica ortopedica, ha così deciso di chiamare in consulenza i colleghi delle Malattie Infettive del Sant’Orsola, unità diretta dal professor Pierluigi Viale, mentre il bambino veniva seguito dalla dottoressa Eleonora Zamparini.

Dopo il ricovero, prolungatosi per via dei numerosi interventi e delle cure antibiotiche somministrate per curare l’infezione, si è passati alla fase chirurgica; un intervento conclusivo per permettere ad Angelo di indossare una protesi immediata, ossia provvisoria, con l’obiettivo di far camminare il prima possibile il bambino, in modo da limitargli i danni psicologici.

L’innovativa protesi realizzata dal dottor Faldini

La protesi è stata realizzata interamente dal dottor Faldini che, da studente, ha lavorato nella ricerca delle protesi immediate. Si tratta di un dispositivo innovativo che permette di camminare pochi giorni dopo l’intervento, ancora prima della rimozione dei punti. La gamba del piccolo è stata protetta con una pellicola trasparente, per poi applicare delle fasce, simili al vecchio gesso ma di vetroresina, modellate sulla forma della gamba, su cui applicare un tubolare di alluminio e il piede artificiale.

Dopo lo sconforto e la disperazione dei genitori, che hanno cercato di fare di tutto per ridare una vita il più possibile normale al figlioletto che, a causa di una banale caduta dalla bici, si è ritrovato, di colpo, senza un arto; a distanza di pochi mesi è avvenuto il “miracolo di Natale”, come in molti l’hanno ribattezzato.

Angelo, dimesso pochi giorni prima delle festività natalizie dal Rizzoli di Bologna. grazie all’intervento del professor Cesare Faldini, che ha preso in carico il suo caso complicato, è tornato a camminare con una sola gamba, in attesa della protesi definitiva che gli permetterà di correre e fare sport come gli altri suoi coetanei.

Anzi, i medici dell’ospedale, sapendo le sue passioni, il giorno delle dimissioni gli hanno regalato un monopattino. Un video riprende il bambino che esce dall’ospedale guidandolo, circondato dall’effetto di quella che è diventata la sua nuova famiglia, l’equipe di medici che gli ha regalato una seconda vita.

La commozione dei genitori di Angelo

“E’ stata un’esperienza dura e vederlo ora camminare è un’emozione”, dice mamma Nadia, mentre papà Domenico, ancora incredulo: “Angelo un giorno mi ha mandato un filmato dicendo che c’era una bella sorpresa, il prof ha adattato la protesi davanti a lui. Siamo rimasti stupiti per come cammina, lui è stra-contentissimo”.

Nell’arco di poche settimane, Angelo passa dalla stampella al salire le scale e a muovere i primi passi da solo, fino all’uscita dall’ospedale sul monopattino con un altro regalo: la maglia numero 7, quella del suo calciatore preferito, Cristiano Ronaldo,essendo tifosissimo della Juve. Ma i regali per il ragazzino non sono stati solo questi: grazie ai volontari, ha ricevuto uno zaino e un paio di cuffie auricolari ed un tablet, donati dai dipendenti della prima clinica del Rizzoli.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Katia Lenti

Katia Lenti - Una storia toccante quella del piccolo Angelo che finalmente ha una nuova vita grazie alla professionalità e generosità del Rizzoli, in particolare del dottor Faldini che ha realizzato la protesi innovativa, consentendogli di camminare nel giro di pochi giorni dall'intervento, riducendo i danni psicologici. Una storia da brividi, perché gli angeli esistono sulla terra e sono, in questo caso, i membri dell'equipe medica che ha reso possibile questo miracolo di Natale.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!