Iscriviti

Adelina annuncia in un video il suo suicidio: "Nessun aiuto, mi troveranno in una tomba"

Adelina Sejdini era una guerriera che ha lottato fino all'ultimo per vedersi riconosciuta la cittadinanza italiana. Inascoltata dallo Stato, sabato 6 novembre si è suicidata, lanciandosi dal ponte Garibaldi.

Cronaca
Pubblicato il 12 novembre 2021, alle ore 17:41

Mi piace
0
0
Adelina annuncia in un video il suo suicidio: "Nessun aiuto, mi troveranno in una tomba"

Adelina Sejdini, 46 anni, si è suicidata il 6 novembre scorso per non aver ricevuto la cittadinanza italiana. Il suo disperato grido d’aiuto è caduto nel vuoto. La sua storia è quella di una donna abbandonata dallo Stato italiano a cui ha chiesto la cittadinanza italiana invano e per cui ha dato tutto, aiutando gli inquirenti a sgominare la banda di sfruttatori che costringeva lei e le sue connazionali a prostituirsi. 

Tanti i suoi appelli, rimasti inascoltati, rivolti al presidente della Repubblica Sergio Mattarella e agli altri rappresentanti delle istituzioni. Le sue ultime parole prima di morire, affidate ad un video in cui dice: “Questa notte mi troverete dentro una tomba” e poi l’appello a chi le ha voluto bene: “Fate quello che vi ho detto, diventate la mia voce, morta per morta, spero che altre Adeline avranno quello che non ho avuto io”. 

La storia di Adelina

Adelina è stata rapita a 15 anni, stuprata e poi costretta ad attraversare l’Adriatico in un gommone per prostituirsi in Italia, fino a ribellarsi ai suoi aguzzini, facendoli arrestare, sgominando una banda di sfruttatori albanesi che l’avevano costretta a vendere il suo corpo. Sabato 6 novembre Adelina si è lanciata dal Ponte Garibaldi, portando con sè il coraggio con cui aveva sconfitto chi le tagliò una gamba con le forbici e cospargendo le ferite di sale per farle più male. 

Adelina di coraggio ne ha avuto tanto anche quando, da guerriera, ha iniziato la battaglia contro il cancro al seno e gli innumerevoli cicli di chemioterapia, oltre agli interventi chirurgici. Invalida al 100%, al momento del rinnovo del permesso di soggiorno a Pavia, si è vista offrire la cittadinanza albanese.

L’ennesimo schiaffo alla sua dignità. Lei che voleva semplicemente restare in Italia, ricevendo la tutela e la protezione che le spettavano. La donna non sarebbe mai potuta tornare in Albania dopo aver fatto sgominare la banda di sfruttatori albanesi che l’aveva costretta a prostituirsi. Una storia drammatica, di una donna dimenticata da tutti. Le sue amiche chiedono che la cittadinanza italiana le sia data almeno ora, postuma. Servirà a capire che la cittadinanza salva le vite.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Caterina Lenti

Caterina Lenti - La storia di Adelina è quella di una donna dimenticata dallo Stato italiano, che ha pensato di farla finita dopo essere rimasta inascoltata per tutta una vita...una vita fatta di sfruttamenti e violenze morali e fisiche. Riposa in pace grande guerriera. Sono certa che il Paradiso attenuerà ogni tua sofferenza terrena.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!