Iscriviti

Accusato di essere evaso dai domiciliari ma era un attimo in garage: assolto

Un pregiudicato è stato accusato di essere evaso dagli arresti domiciliari. In realtà l'uomo era solo andato un attimo in garage: vediamo nello specifico come sono andate le cose.

Cronaca
Pubblicato il 14 ottobre 2020, alle ore 15:11

Mi piace
0
0
Accusato di essere evaso dai domiciliari ma era un attimo in garage: assolto

Per chi è agli arresti domiciliari, la visita dei poliziotti è tutt’altro che improbabile. E anche un pregiudicato di Savona l’ha ricevuta. Peccato però che gli agenti di turno non lo abbiano trovato in casa e per tale ragione, l’uomo è stato denunciato. Si è trattato solo di un disguido, perché il deviante in realtà era nel garage della sua abitazione e non evaso come invece creduto inizialmente.

Andando con ordine, A.L. (vengono solo riportate le iniziali dell’uomo e non il nome completo), 46enne pluripregiudicato di origine sinti e residente a Savona, è stato il protagonista di una vicenda davvero incredibile. L’uomo, dopo essere stato condannato agli arresti domiciliari, dalla Corte di Appello di Genova, stava scontando la pena in un’abitazione di Carmagnola.

Il pregiudicato però aveva la libera uscita, che prendeva il via a partire dalle ore 10.00 del mattino. Così l’uomo, una mattina alle ore 9.53 era sceso in garage a prendere la propria bicicletta. In contemporanea aveva ricevuto la visita degli agenti di turno, proprio pochi minuti prima che prendessi il via l’autorizzazione a lasciare la propria abitazione.

Gli agenti, non trovando l’uomo in casa, lo avevano accusato di evasione e visti i suoi precedenti, rischiava una condanna pari ad un anno e due mesi di reclusione. In realtà il protagonista della vicenda, era solo sceso in garage. Pochi giorni fa però, il tribunale penale monocratico di Asti ha emesso la sentenza e assolto l’uomo dall’accusa di evasione.

Carlo Bodda, legale di A.L., è riuscito a dimostrare che all’arrivo delle forze dell’ordine, il deviante era solo nel garage sito nel palazzo della propria residenza, per prendere la bicicletta. L’avvocato Bodda ha così commentato la vittoria: “Ho richiesto la speciale tenuità del fatto poiché effettivamente era pacifico che si trattasse di pochi minuti e il recluso era stato reperito nell’immediato con una bicicletta. Giustizia è stata fatta“.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Tonia Sarracino

Tonia Sarracino - Credo che in casi come questo, se il pregiudicato non è evaso dagli arresti domiciliari, sia giusto che venga fatta luce su come siano andate davvero le cose. Nel caso dell'uomo in questione, era solo andato in garage a recuperare la propria bicicletta e non evaso come invece gli agenti credevano. Per fortuna, la verità è venuta fuori.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!