Iscriviti
Roma

23 febbraio: Papa Francesco invita a una Giornata di digiuno per la pace

All'Angelus del 4 febbraio, il Papa dice “No alla violenza” con una Giornata di digiuno per la pace, che sarà celebrata il 23 febbraio e dedicata alle popolazioni di Sud Sudan e Congo.

Cronaca
Pubblicato il 4 febbraio 2018, alle ore 19:49

Mi piace
10
0
23 febbraio: Papa Francesco invita a una Giornata di digiuno per la pace

È finito da poco il mese dedicato alla pace, gennaio, e Papa Francesco fa sentire ancora il suo “No alla violenza” forte e convinto. Ad ascoltarlo in Piazza San Pietro, convenuti per l’Angelus, ci sono circa 20mila fedeli. Dal Palazzo apostolico Papa Bergoglio ribadisce: “Le vittorie ottenute con la violenza sono false vittorie; mentre lavorare per la pace fa bene a tutti!“.

Il Papa è preoccupato per il “tragico protrarsi di situazioni di conflitto in diverse parti del mondo», per questo motivo prende l’iniziativa di indire una speciale “Giornata di preghiera e digiuno per la pace“, fissata per la Prima Settimana di Quaresima, che quest’anno cade il 23 febbraio: l’intenzione di preghiera e digiuno terrà presenti in particolare le popolazioni della Repubblica Democratica del Congo e del Sud Sudan

Nel 2013, il 7 settembre, Papa Francesco aveva proposto un’iniziativa simile nella Veglia per la pace in Siria, al fine di scongiurare una nuova guerra mondiale. Come allora anche quest’oggi, Papa Begoglio ha invitato “anche i fratelli e le sorelle non cattolici e non cristiani ad unirsi nell’iniziativa, ciascuno secondo le proprie modalità.

Papa Francesco, assicurando che il Padre celeste ascolta i “figli che gridano a Lui nel dolore e nell’angoscia”, ha invitato i presenti a chiedersi: “Che cosa posso fare io per la pace?”. Oltre alla sicura preghiera, ciascuno “può dire concretamente “no” alla violenza”, perché “lavorare per la pace fa bene a tutti!“.  

Oggi, in Italia, ricorre la Giornata per la Vita: riflettendo sul tema “Il vangelo della vita, gioia per il mondo”, Papa Francesco ha condiviso il messaggio dei Vescovi ed è tornato a parlare di “cultura dello scarto” capace solo di mietere vittime tra i più deboli della società, bambini e anziani in particolare. Poi ha aggiunto: “Preghiamo perché il nostro popolo sia più cosciente della importanza della vita”

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Marilena Carraro

Marilena Carraro - Credo che la preghiera diventi più efficace se si lascia interrogare dalla domanda "Che cosa posso fare io per la pace?" perché è sicuramente una preghiera più convinta, capace di coinvolgere il cuore della persona portandolo all'azione. La pace è un tema che si discute da sempre, un tema bello mai raggiunto...ma la speranza c'è!

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!