Iscriviti

20enne viola la quarantena anche se positivo, fermato dai carabinieri: ecco cosa rischia

Il ragazzo, positivo al Covid-19, ha violato la quarantena domiciliare nonostante la sua positività. È stato fermato dai carabinieri durante un controllo anti pandemia per le strade della cittadina brindisina.

Cronaca
Pubblicato il 21 novembre 2020, alle ore 14:01

Mi piace
0
0
20enne viola la quarantena anche se positivo, fermato dai carabinieri: ecco cosa rischia

I carabinieri della stazione di San Pietro Vernotico, in provincia di Brindisi, comunicano di aver denunciato un ragazzo di 20 anni per inosservanza del divieto di allontanarsi dalla propria abitazione, in quanto già positivo al coronavirus Sars-CoV-2. Secondo quanto riferisce la testata giornalistica locale Brindsi Report, il giovane è stato fermato durante un controllo anti Covid mentre percorreva le strade della cittadina pugliese. I militari, come da prassi in questi casi, hanno intimato l’alt controllando il veicolo e le generalità del conducente. Una volta accertato che il 20enne aveva contravvenuto alla regole di quarantena, per lui è scattata la relativa denuncia. 

Giovane fatto tornare a casa

A quel punto i militari dell’Arma gli hanno consigliato di tornare nel suo domicilio e di non allontanarsi più per alcuna ragione. Chi è infatti sottoposto a quarantena o ad isolamento fiduciario deve attenersi scrupolosamente alle regole impartite dalle autorità sanitarie. Per chi viola tali obblighi sono previste sanzioni pecuniarie abbastanza salate, che vanno da un minimo di 500 fino ad un massimo di 5.000 euro. Se il fatto costituisce più grave reato, ovvero se la persona trovata fuori dal domicilio risulta positiva al Covid-19, può scattare la denuncia penale per epidemia colposa e la reclusione da 3 a 18 mesi. Per motivi di privacy le generalità del 20enne non sono state rese note. 

In provincia di Brindisi ieri 20 novembre registrati 91 nuovi positivi

Durante questa seconda ondata pandemica la provincia di Brindisi è stata duramente colpita dal Sars-CoV-2. Solo nella giornata di ieri 20 novembre sono state trovate altre 91 persone positive al virus. La situazione epidemiologica viene costantemente monitorata dalle autorità sanitarie locali, che continuano a sensibilizzare la popolazione sui corretti comportamenti da seguire per poter evitare il contagio. Utile è infatti lavarsi le mani con acqua e sapone e indossare la mascherina, anche all’aperto e in tutti i luoghi in pubblici. 

La Puglia tra le regioni più colpite in Italia in queste ultime settimane

I casi di Covid-19 stanno aumentando anche in Puglia in maniera considerevole. Nelle ultime settimane la regione ha fatto registrare oltre 1.000 positivi al giorno. Ieri 20 novembre i nuovi casi accertati sono stati 1.456, mentre 16 i decessi. Di questi solo uno è avvenuto in provincia di Brindisi.

Da inizio pandemia in Puglia effettuati 702.823 test

Dall’inizio dell’emergenza sanitaria in Puglia sono stati effettuati 702.823 tamponi, mentre a 29.434 ammontano i casi attualmente positivi nella regione. Così come comunicato dalle autorità sanitarie, ogni volta che sul territorio regionale o nazionale viene trovato un positivo al Sars-CoV-2 le Asl locali avviano il tracciamento dei contatti stretti. 

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Federico Sanapo

Federico Sanapo - Il ragazzo, così facendo, ha messo in pericolo la vita degli altri rischiando di contagiare altre persone che potrebbe aver incontrato sul suo tragitto. Non è purtroppo l'unico caso che si verifica nel nostro Paese in quando altre persone, pur positive al Covid-19, hanno violato la quarantena andando a spasso per le vie delle città.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!