Iscriviti

Lotus Exige Cup 430, la coupé sportiva 2 posti di Hethel ora morde la strada

Lotus, la casa automobilistica britannica specialista in auto sportive ed estreme, ha annunciato l'arrivo di una nuova versione della sua celebre coupé 2 posti a trazione posteriore che, in forma di "Lotus Exige Cup 430", letteralmente morde la strada.

Auto
Pubblicato il 13 novembre 2017, alle ore 13:34

Mi piace
15
0
Lotus Exige Cup 430, la coupé sportiva 2 posti di Hethel ora morde la strada
PubblicitĂ 

Nei giorni scorsi, la casa automobilistica inglese Lotus, nota per le sue auto estreme o da competizione, ha annunciato una variante della Lotus Exige, la coupé sportiva da 2 posti, con trazione posteriore, prodotta dal 2000. La nuova versione, denominata “Lotus Exige Cup 430” morde letteralmente l’asfalto, in virtù di una potenza davvero mostruosa.

Sia chiaro. Non è che Lotus (ora di proprietà dei cinesi di Geely) realizzi utilitarie. La casa di Hethel, sin dalla sua fondazione – nel 1952, ad opera di Colin Chapman, col nome completo di “Lotus Cars” – si è sempre dedicata a vere e proprie supercar, alcune delle quali hanno partecipato con una certa assiduità ai campionati sportivi. A tal proposito, appena 3 anni fa, “correva” l’anno 2014, venne varata la “Exige LF1”, una coupé sportiva che intendeva omaggiare le 81 vittore ottenute in Formula 1 dal suo team motoristico e, sulla base del suo apprezzato impianto telaistico, la statunitense Hennessey Performance, nel 2010, ha sfornato l’auto ad alte prestazioni “Hennessey Venom GT”, a sua volta alla base della futuristica Venom F5 che, con i suoi 480 km/h massimi, è in predicato di polverizzare – come un vero e proprio tornado (da qui la F, usata nella scala di Fujita) – il record della Bugatti Chiron

Cronistoria e filiazioni a parte, la nuova Lotus Exige Cup 430 (erede della recente Exige Cup 380) è stata ottenuta, in sostanza, collocando nel più piccolo modello della gamma (1.056 Kg), il più potente motore da competizione made in Lotus, col risultato che i progettisti britannici han dovuto impegnarsi non poco negli adattamenti aerodinamici: tale veicolo, infatti, tanto per la cronaca, è capace di una potenza massima di 430 km/h, con una velocità massima di 290 km/h, ed uno scatto da 0 a 100 km/m in 3.3 secondi netti. 

Per irreggimentare questa bestia da cordoli, si è proceduto – innanzitutto – a cambiarne la sezione anteriore, e non solo esteticamente (le due creste sul cofano fanno parte di una sezione scura che continua nel tettuccio dell’abitacolo): ora, i fari laterali sono più stilizzati, quasi ad occhi da orientale, segno di una maggiore tendenza a rendere il profilo arcuato, come evidenziato anche dal musetto del veicolo, per altro equipaggiato con 2 ampie prese d’aria simmetriche. Questo, in sostanza, dà l’impressione che si sia voluto offrire un minor impatto all’aria, incanalando quest’ultima nelle prese d’aria, e rilasciandola – poi – in un diffusore posteriore davvero esagerato, che assolve allo scopo di mantenere ben ancorato al suolo la Lotus Exige Cup 430. Sempre sul retro, poi, campeggia l’alettone sportivo, tratto dai veicoli da competizione, fisso ma regolabile, mentre – sul piano estetico – sembra quasi di osservare un volto decisamente corrucciato. 

A confermare la vocazione estrema della nuova Lotus Exige Cup 430, il fatto che tale veicolo sia predisposto a fare a meno degli air bag (spesso non presenti sulle auto da competizione in cui il pilota è “legato” al sedile, e munito di casco), adottando – nel contempo – un occhiello da traino fisso, oltre all’impianto antincendio ed alla roll-bar protettiva certificati secondo i dettami della FIA (la Federazione Internazionale dell’Automobile che, dal 1904 (seppur sotto l’acronimo AIACR), organizza le gare internazionali d’automobilismo).

Ovviamente, questo non vuol dire dover rinunciare al comfort in favore dell’estremismo velocistico: opzionalmente, infatti, è sempre possibile richiedere un cruise control, per il controllo automatico della velocità, il climatizzatore, i tappetini, e la moquette, seppur con un conseguente aggravio di spesa, per un prezzo che – già in partenza – non potrà certo dirsi “popolare”. Accaparrarsi una Lotus Exige Cup 430, infatti, costerà davvero tanto, con un prezzo di listino che parte dal già ragguardevole ammontare a 6 cifre di 133.160 euro.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Fabrizio Ferrara

Fabrizio Ferrara - Il mondo delle supercar è sempre e comunque avvincente, ancorché proibitivo per noi comuni mortali senza residenza a Dubai. Ciò nonostante, per il progresso tecnologico che questi veicoli comportano, è impossibile non parlarne: magari non vedremo mai una Lotus Exige Cup 430 o una Bugatti Chiron in strada, nel quotidiano, e forse servirà solo a solleticare l'ego ed il garage di qualche magnate, eppure è proprio su veicoli del genere che vengono sperimentate le tecnologie più avveniristiche della motorizzazione che, poi, trovano largo impiego nei veicoli davvero mainstream.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!