Iscriviti
Roma

Il Vaticano all’avanguardia nello smaltimento dei rifiuti: dal prossimo anno plastic free

Città del Vaticano, nonostante le sue dimensioni ridotte, nel suo piccolo, ha deciso di fare la differenza: la vendita di plastica monouso verrà definitivamente bandita entro l'anno prossimo.

Ambiente
Pubblicato il 16 luglio 2019, alle ore 12:37

Mi piace
13
0
Il Vaticano all’avanguardia nello smaltimento dei rifiuti: dal prossimo anno plastic free

Non esiste persona che non abbia anche solo sentito parlare dell’unica e attuale allerta universale: il riscaldamento globale. Nell’ultimo anno in particolar modo, abbiamo anche sperimentato proprio in Italia, sulla nostra pelle, una delle conseguenze più immediate di questo fenomeno: i cambiamenti climatici. Tra ondate di un caldo micidiale e un maltempo imprevisto e devastante, ne abbiamo davvero viste di tutti i colori.

Ecco la risposta del Vaticano. Lo Stato più piccolo al mondo ha infatti deciso di attuare un piano che possa rendere più efficace la raccolta differenziata e lo smaltimento dei rifiuti e per di più ha imposto il divieto di vendere la plastica monouso. Date le ridotte dimensioni dello Stato, si presume che entro un anno le scorte saranno pari a zero e Città del Vaticano sarà interamente plastic free.

Lo Stato opera principalmente un tipo di raccolta da cassonetto (ad eccezione di pochi casi specifici) e genera annualmente pressappoco un migliaio di tonnellate di rifiuti. Il responsabile del servizio giardini e nettezza urbana, Rafael Ignacio Tornini, ha dichiarato: “Sentiamo molto anche il problema della plastica. Noi facevamo lo sforzo di raccoglierla il più possibile, lo Stato ha fatto quello di limitare tutta la vendita della plastica monouso”.

Uno dei punti più difficili del territorio, specialmente a causa dell’indifferenziato, è la zona di piazza San Pietro, dato anche l’elevato numero di turisti che ogni giorno la visitano. “Lì – ammette Tornini – l’indifferenziato ci incide un bel po’ su tutto il resto, sotto ai colonnati abbiamo messo contenitori specifici per la plastica e devo dire che funziona perché riusciamo a raccoglierne circa dieci chili al giorno”.

Alla domanda se ci sono multe per chi non fa la differenziata, Tornini ha sorprendentemente affermato che non c’è n’è alcun bisogno e che i cittadini si impegnano attivamente anche solo dopo un richiamo.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Rosy Manganelli

Rosy Manganelli - Il problema delle dispersioni di anidride carbonica nell'atmosfera è urgente ed esiste a dispetto di alcune scuole di pensiero. C'è la necessità di un intervento immediato. Sinceramente trovo mirabile, oltre che simbolico, l'idea della Città del Vaticano a proposito di uno dei più importanti fenomeni che al momento richiede l'immediata azione di ognuno anche nel proprio piccolo.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!