Iscriviti

Giro d’Italia: Filippo Ganna vince la cronometro di Valdobbiadene. Almeida consolida la maglia rosa, Nibali perde terreno

Nella 14° tappa del Giro d’Italia, seconda prova a cronometro, vince il campione del mondo Filippo Ganna. Il portoghese Joao Almeida consolida la maglia rosa, guadagnando su tutti i suoi rivali. Da domani arrivano le Alpi.

Altri sport
Pubblicato il 17 ottobre 2020, alle ore 17:37

Mi piace
0
0
Giro d’Italia: Filippo Ganna vince la cronometro di Valdobbiadene. Almeida consolida la maglia rosa, Nibali perde terreno

Filippo Ganna si conferma l’uomo più in forma nelle prove a cronometro e, dopo il mondiale di Imola e la vittoria della 1° tappa di questa edizione del Giro, si ripete nella seconda prova contro il tempo della corsa rosa.

Nella 14° frazione da Conegliano a Valdobbiaddene, il 24enne ciclista piemontese, della Ineos Grenadiers, ha fatto registrare il miglior tempo, percorrendo i 34,1 km del tracciato in 42’40” alla media di quasi 48 km/h. Per Ganna è la terza vittoria di tappa in questa edizione della corsa rosa, avendo vinto anche la 5° tappa Militello-Camigliatello Silano.

Il campione del mondo ha preceduto di 26” il compagno di squadra, l’australiano Rohan Dennis, vincitore dell’iride a cronometro nel 2018 e 2019 e di 1’09” lo statunitense Brandon McNulty (UAE Team Emirates). Per Ganna anche miglior tempo al passaggio del Muro di Ca’ del Poggio, traguardo valido per la classifica degli scalatori (maglia azzurra).

Giornata favorevole anche per la maglia rosa, il portoghese Joao Almeida (Deceuninck Quick Step), che conclude la cronometro al sesto posto, a 1’31” di distacco dal vincitore, ma guadagna su tutti i suoi principali avversari, ad esclusione di McNulty. L’olandese Wilco Kelderman (Team Sunweb) è l’unico a contenere il distacco perdendo solo 16” da Almeida. Ritardi più pesanti per gli altri big: il polacco Rafal Majka (Bora-Hansgrohe) perde 1’06”, lo spagnolo Pello Bilbao (Bahrain Mclaren) 1’22”, Vincenzo Nibali (Trek-Segafredo) 1’23”, Fausto Masnada (Deceuninck Quick Step) 1’29”, Domenico Pozzovivo (NTT Pro Cycling) 1’30”, il danese Jakob Fuglsang (Astana) 1’42”.

Classifica generale parzialmente ridisegnata con Joao Almeida che conserva la maglia rosa con 56” di vantaggio su Wilco Kelderman, 2’11” su Pello Bilbao, 2’23” su Brandon McNulty, 2’30” su Vincenzo Nibali, 2’33” su Rafal Majka e Domenico Pozzovivo, 3’11” su Fausto Masnada. Più indietro Jakob Fuglsang a 4’08”, che sembra quasi tagliato fuori dai giochi.

La corsa prosegue, domenica 18 ottobre, con la 15° tappa dalla Base Aerea di Rivolto a Piancavallo di 185 km, prima frazione alpina con quattro GPM, compreso l’arrivo in salita, dove, nel 1998, Marco Pantani mise il primo tassello per la vittoria del suo Giro d’Italia.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Costantino Ferrulli

Costantino Ferrulli - Al Giro d’Italia Filippo Ganna si conferma come il corridore più forte a cronometro del momento. Il piemontese non ha rivali in questo tipo di gare, dimostrando che la vittoria al mondiale è stata ampiamente meritata. Per quanto riguarda la vittoria finale del Giro d’Italia, tutto è rimandato alle tappe alpine che iniziano da domani, con Joao Almeida che continua a consolidare la sua maglia rosa.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!