Iscriviti

Daniela Santanchè: “Mi vergogno di essere italiana”

La deputata del PdL, durante la trasmissione Agorà Estate ha ammesso di pensare alle dimissioni affermando di vergognarsi di essere italiana

Politica
Pubblicato il 7 agosto 2013, alle ore 12:32

Mi piace
0
0
Daniela Santanchè: “Mi vergogno di essere italiana”
Pubblicità

Daniela Santanchè, la pitonessa del Pdl, sta pensando di dimettersi dalla carica di deputata perché, a suo dire, “in questo momento provo un po’ di vergogna a essere italiana”.

La fedelissima del Cav, che ieri ha reso noto come Berlusconi avrebbe rifiutato le misure alternative e starebbe pensando di andare in carcere (“non accetterà i servizi sociali perché non è un uomo da recuperare o da educare, ma è un uomo che da 20 anni è perseguitato da un punto di vista giudiziario.”, le sue parole), ha fatto sapere di star meditando seriamente alle dimissioni da parlamentare in quanto sdegnata per la condanna in Cassazione del suo capo Silvio Berlusconi.

Ovviamente non si sono fatte attendere le reazioni di chi, come gran parte dei cittadini italiani, da vent’anni si vergognano per aver reso possibile questa situazione, per aver sottostato ad una classe politica che si è impegnata a difendere l’indifendibile anziché a lavorare per raddrizzare questo malandato, addormentato Paese.

In un paese normale ci sarebbero state prima le dimissioni e poi la vergogna, invece sicuramente ritroveremo a settembre Daniela Santanchè, di ritorno dalle “meritate” vacanze, abbronzata in qualche trasmissione televisiva, a infangare la magistratura e a mistificare l’uomo che nel “lontano” 2008 disprezzava per come trattava le donne (per chi non lo ricorda, di seguito il video).

Non dovrebbero essere certo i politici a doversi vergognare della situazione che loro stessi hanno creato, bensì gli onesti cittadini che si vedono rappresentati da questa “gente”, impegnata ad ottenere la grazia per una persona condannata in via definitiva dal sistema giuridico italiano a 4 anni, mantenendo da giorni in stallo un paese e dovendo sopportare di vedere i propri “rappresentanti” assenti nelle aule del Parlamento mentre si discute d’importanti provvedimenti per il futuro del nostro Paese.

Immagine anteprima YouTube
Altri video interessanti:
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!