Iscriviti
Palermo
scrivi

Fiumi di cocaina nella "Palermo bene": 5 persone arrestate

Sgominata a Palermo una banda di spacciatori che riforniva di cocaina - 24 ore al giorno - personaggi noti e meno noti della città. Decine di migliaia le chiamate al giorno, che richiedevano le sostanze stupefacenti nei modi più strani e bizzarri.

Cronaca
Pubblicato il 14 febbraio 2017, alle ore 15:34

Mi piace
11
Preferiti
0
Fiumi di cocaina nella "Palermo bene": 5 persone arrestate
Pubblicità
Interessi da seguire
  • correlati
  • commenti

Fiumi di cocaina venivano smerciati ed assicurati ai clienti della cosidetta “Palermo bene” – ventiquattro ore al giorno per sette giorni la settimana – e direttamente al domicilio dei clienti, tra i quali si annoverano anche noti professionisti e commercianti.

C’è una Palermo, quella che a torto o ragione viene definita “bene”, che in queste ore sta tremando poichè coinvolta in un’indagine delle forze dell’ordine che ha sgominato una banda di spacciatori che rifornivano di droga buona parte di persone altolocate ed in vista del capoluogo siciliano.

Bastava chiamare e la polvere bianca veniva fatta recapitare direttamente a casa, al negozio o allo studio del cliente, insomma in tutti i luoghi possibili per ricevere uno o due dosi, ma anche di più in prossimità dei fine settimana. E per assicurare il servizio continuativo – anche i pusher vanno a dormire! – il cellulare di riferimento veniva passato da spacciatore a spacciatore.

L’indagine della Squadra Mobile di Palermo è stata chiamata “h24” e, dopo mesi di appostamenti ed intercettazioni, gli inquirenti sono riusciti a ricostruire tutti i fatti, che vedono coinvolte ben due bande di spacciatori. Sono state contate oltre 35.000 chiamate, due chili di cocaina venduta in pochi mesi, che avrebbe fatto incassare ai malfattori circa 300.000 euro in pochi mesi.

Su ordine del sostituto procuratore del Tribuanle di Palermo, Maurizio Agnello, sono state arrestate cinque persone, con l’accusa di cessione di cocaina. Tra i tanti ad acquistarla, infatti, c’erano anche degli avvocati, ma anche un assistente di volo e numerosi commercianti.

La notizia sta facendo molto scalpore in città. Se da un lato molti cittadini sono rimasti sconvolti dal fatto che lo smercio della droga avveniva alla luce del sole – o quasi – dall’altro si rimane esterefatti perchè si scopre solo ora che una buona parte della “Palermo bene” è avvezza a questo stile di vita scellerato, malsano e pericoloso.

Altre notizie interessanti
Cosa ne pensa l’autore

Tiziana Terranova - Che tristezza! Che l'abito non faccia il monaco è un detto tanto antico quanto vero. Ma che nella mia città ci siano tanti insospettabili drogati, francamente se da un lato mi sconcerta dall'altro mi sollecita tante riflessioni. Chi saranno? Che ruoli svolgeranno? C'è un modo per riconoscere una persona drogata? Ed ancora, perché persone così in vista, che apparentemente hanno tutto, necessitano dello sballo quotidiano per affrontare la loro vita? E' vero, ogni vita è un romanzo, talvolta molto drammatico.

Lascia un tuo commento
Commenti
Fabrizio Ferrara

14 febbraio 2017 - 18:24:54

Preferivo i "Fiumi di parole": eh mala tempora currunt...

0
Rispondi