Iscriviti

YouTube: mea culpa sulle falle nella moderazione, iniziative per YouTube Music/Premium e inserzionisti

Secondo Google, sarà difficile ottenere una moderazione efficace al 100%, benché vi si possa tendere: nel frattempo che il mix di personale umano e algoritmi dia i frutti sperati, ecco le iniziative per YouTube Music/Premium e gli inserzionisti.

Internet e Social
Pubblicato il 19 giugno 2019, alle ore 10:41

Mi piace
7
0
YouTube: mea culpa sulle falle nella moderazione, iniziative per YouTube Music/Premium e inserzionisti

YouTube, la grande piattaforma di video sharing di Alphabet (ovvero di Google), è ancora alle prese con la rimozione di contenuti discutibili in quella che, per ammissione dei suoi vertici, è – per il momento – una “battaglia persa”. Vanno meglio le cose sul fronte delle nuove funzionalità, con diverse novità messe a disposizione degli utenti, e degli inserzionisti pubblicitari. 

Qualche giorno fa, nel corso di un’intervista alla CNN, l’attuale CEO di Google, l’imprenditore Sundar Pichai, in riferimento ai continui scandali nei quali è rimasta coinvolta la piattaforma YouTube (es. quelli sui contenuti soft pedo rinvenuti), ha ammesso che, quando si tratta di strutture di larga scala, è difficile attenzionare tutti i comportamenti (anche nel mondo delle carte di credito, è da mettersi in conto una piccola percentuale di truffe nonostante i periodici controlli anti-frode), anche a fronte di un valido impiego di personale umano e algoritmi intelligenti.

Scendendo nel merito di YouTube, gli attuali controlli riescono a frenare il 99% dei contenuti che violano le regole stabilite dalla responsabile della piattaforma, Susan Wojcicki, ma non oltre, con la conseguenza che, in quell’1% che passa, vengono pubblicati decine di milioni di cose che non dovrebbero aver cittadinanza sulla grande Y (hate speech, cospirazionismo, suprematismo, etc). Pichai si è detto consapevole che su ciò si può fare di più, e che in molti casi si è intervenuto tardi, come dimostrato dal fatto che vari contenuti poi rimossi erano online da molto tempo. 

Mea culpa a parte, YouTube è sempre popolarissima, grazie a novità rilasciate a getto continuo, anche in modo tempestivo, a seconda del momento, e delle tecnologie che via via vengono rese disponibili.

YouTube Premium e YouTube Music (free e premium), da tempo disponibili anche in Italia, oltre a permettere di settare le preferenze (artisti preferiti) per ricevere (in Home) consigli mirati, anche tenendo conto dei passati ascolti, consentono ora di ricevere informazioni sui trend del momento (Video Hotlist) ma, in più, in vista dell’estate, permette di generare la colonna sonora ideale per le vacanze, di ascoltare le tracce cantate nei principali festival estivi del momento, di poter ascoltare i tormentoni delle passate estati, usando parole chiave ed emoji, e di rivere consigli mirati dopo aver condiviso la propria geolocalizzazione

Anche per gli inserzionisti, infine, arrivano diverse iniziative, da Google, in tandem con la piattaforma YouTube. Nello specifico, è stata confermata l’implementazione della funzionalità nota definitivamente come “AR Beauty Try-on” che, basata sulla realtà aumentata di Mountain View (ArCore), permetterà agli utenti di testare, mediante la selfiecamera, i prodotti delle cosmesi, con simulazioni realistiche, onde valutare l’acquisto, sempre in-platform, del prodotto visionato. 

Ricorrendo, invece, alla piattaforma Display & Video 360 basata sul formato Swirl, gli inserzionisti potranno allestire banner più coinvolgenti in cui all’utente sarà offerta la possibilità di scrutare a 360° un prodotto, come lo avessero davanti, ed anche appositi contenuti allegabili ai live streaming con conseguente adattamento dei multimedia, video e immagini, al formato menzionato. 

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Fabrizio Ferrara

Fabrizio Ferrara - Devo dire che Pichai è stato coraggioso nel fare quest'ammissione: tuttavia, la cosa è anche inquietante. Considerando le dimensioni di YouTube, Dio solo sa cosa vi si possa annidare al netto del pur encomiabile intervento di algoritmi, machine learning, e moderatori umani. Le iniziative per YouTube Premium e Music, in vista dell'estate, sono molto simpatiche, e certo contenderanno consenso a Spotify, mentre quelle per gli inserzionisti si apprestano a rivoluzionare la pubblicità sulla grande Y.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!