Iscriviti

Twitter: i messaggi cancellati restano ancora accessibili. Quelli modificati potrebbero ricevere solo la rettifica

Twitter, nei giorni scorsi, è tornata ad esprimersi sul tema della modifica dei tweet già pubblicati, fornendo dettagli su come tale funzione potrebbe sostanziarsi: in più, per il canarino azzurro, è arrivato il primo scandalo in tema privacy.

Internet e Social
Pubblicato il 18 febbraio 2019, alle ore 08:44

Mi piace
5
0
Twitter: i messaggi cancellati restano ancora accessibili. Quelli modificati potrebbero ricevere solo la rettifica

Twitter sembra, finalmente, aver fatto chiarezza (anche con se stessa) riguardo allo spinoso tema della modifica dei tweet già pubblicati, di recente trattato anche dal suo Ceo, Jack Dorsey. Intanto, però, anche la piattaforma di microblogging del canarino azzurro è finita al centro di uno scandalo relativo alla privacy, inerente alla non effettiva rimozione dei messaggi diretti cancellati.

Qualche giorno fa, un ricercatore di sicurezzaKaran Saini, scoprì che – anche quando un utente cancellava i messaggi inviati a un proprio interlocutore – questi ultimi restavano accessibili, seppur solo a chi aveva inviato o spedito detti messaggi, nel momento in cui si procedeva a richiedere una copia dei propri dati archiviati sul cloud della piattaforma. In più, secondo quanto emerso, risulterebbero ancora accessibili financo i messaggi scambiati con account poi sospesi, chiusi, o divenuti inaccessibili.

Secondo le attuali policy di Twitter, l’utente che richieda la chiusura del proprio account, ha 30 giorni per ripensarci, prima che il suo profilo, e gli annessi dati al seguito, vengano rimossi dalla piattaforma: a quanto pare, però, a causa di bug funzionale, ciò non avverrebbe sul serio. Non è chiaro (e delucidazioni in merito non sono arrivate), però, se – nell’eliminare un profilo o un messaggio diretto – Twitter ritenga automaticamente revocato anche il consenso a conservarne il contenuto. 

Punto sul vivo, su un tema così sensibile quale quello della riservatezza, lo staff del canarino azzurro ha spiegato – avvalendosi delle pagine internet di TechCrunch – di voler capire se abbia considerato ogni ambito del problema e, a tale scopo, di aver iniziato un’ulteriore analisi della questione

Infine, il tema – sempre vivo – della modifica dei Tweet (alcuni dei quali hanno rovinato delle carriere nel mondo dello spettacolo), richiesto a gran voce dagli utenti del microblogging. Nel corso di un evento Goldman Sachs tenutosi a San Francisco nella giornata di San Valentino, Jack Dorsey – cofondatore e CEO di Twitter – ha spiegato che i suoi programmatori stanno studiando l’ipotesi di sostituire l’edit dei tweet pubblicati con un sistema di chiarimento o rettifica dei medesimi.

Ad oggi, nel voler precisare quando sostenuto in passato, è possibile ricorrere al retweet di un proprio post che, però, non va ad impattare sul tweet originale, magari divenuto virale: col nuovo sistema, invece, il chiarimento sarebbe allegato al post iniziale e, come tale, risulterebbe accessibile a chiunque visualizzi il medesimo. In ogni caso, ha precisato Dorsey – quasi a voler prevenire ulteriori polemiche – non è detto che il re-edit dei post prenda effettivamente questa strada

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Fabrizio Ferrara

Fabrizio Ferrara - L'idea di accludere una rettifica a un messaggio che si vuol re-editare non è male: però non sarebbe adatta a tutte le fattispecie di errori. Anzi, nel caso di un semplice errore di battitura, sarebbe inutilmente ridondante. Insomma, è chiaro che Twitter stia ancora ragionando sulla nuova funzione, tentando davvero di sviscerarne ogni aspetto. Diverso è il caso su quanto scoperto a proposito dei messaggi cancellati: in questo caso, lo scandalo è decisamente grosso, e Twitter non potrà trincerarsi a lungo dietro il fatto che stia approfondendo la questione.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!