Iscriviti

Maxi multa a Google: le ragioni della Commissione UE e del colosso americano a confronto

Come noto, nella giornata di ieri è arrivata una maxi multa a Google per posizione dominante - nel mercato europeo degli smartphone - grazie al sistema operativo mobile Android: ecco le condotte contestate, e la fresca risposta dell'azienda di Mountain View.

Internet e Social
Pubblicato il 19 luglio 2018, alle ore 10:49

Mi piace
12
0
Maxi multa a Google: le ragioni della Commissione UE e del colosso americano a confronto

Nelle scorse ore, come non fossero già abbastanza tesi i rapporti tra USA ed Unione Europea in merito ai dazi imposti dal presidente americano Trump verso le merci del Vecchio Continente, la Commissione Europea per la Concorrenza ha condannato (di nuovo) il colosso dei motori di ricerca, Google, per posizione dominante, comminandogli una maxi multa da (oltre) 4 miliardi di euro.

In attesa che giunga a conclusione l’inchiesta riguardante il sistema di raccolta pubblicitario di Mountain View (AdSense), la grintosa Margrethe Vestager – presidente della commissione UE per la concorrenza e parte del parlamento europeo in quota social liberali – ha comunicato la decisione presa contro Google che, in questo caso, è accusata d’aver sfruttato il sistema operativo mobile Android (installato sull’80% dei telefoni europei) per incrementare la sua posizione dominante sul mercato.

Ecco le accuse della Commissione per la Concorrenza

Nello specifico, le condotte contestate alla società fondata da Brin e Page sono quelle d’aver pagato alcuni produttori di hardware mobile ed operatori telefonici per adottare Android, d’aver imposto l’installazione di talune app (come il browser Chrome ed il motore di ricerca/Search) onde concedere l’uso del PlayStore che, com’è noto, è lo store dal quale gli utenti possono scaricare o comprare le app per i propri smartphone. Inoltre, risulterebbero anche pressioni perché i produttori commercializzassero i loro device mobili con versioni stock (pure) di Android, non personalizzate tramite interfacce ed app proprietarie (es. la MIUI degli Xiaomi).

Cosa replica ufficialmente il CEO di Google

Google, per bocca del CEO Sundar Pichai, ha ribattuto che le applicazioni pre-installate possono essere rimosse (o quanto meno disabilitate), e sostituite con le numerose alternative disponibili, che Android è in competizione con iOS (Windows Mobile è sparito), e che la distribuzione senza costi del suo OS abbia assicurato enormi vantaggi e risparmi a programmatori e clienti finali, lasciando trapelare che – se la sanzione giungesse a compimento – potrebbe diventar necessario far pagare la licenza androidiana.

Google, nel caso tali argomentazioni non venissero accolte e venisse confermato quanto rilevato dalle indagini della Commissione (sui terminali con Windows Mobile, la percentuale delle ricerche effettuate tramite Google cala al 25% rispetto al 95% di quanto osservato sugli omologhi device Android), rischia non poco.

La Verstager, sicura della conferma della sanzione in sede di appello, ha deciso per una multa di 4,34 miliardi di euro (persino superiore a quella di un anno fa, quando Google dovette scucire 2.4 miliardi di euro per le pratiche non trasparenti messe in atto col comparatore Google Shopping, dedicato all’e-commerce) e, in caso di mancato stop alle pratiche contestate, nei 90 giorni successivi al verdetto finale, scatterà una mora del 5% sugli introiti mondiali giornalieri del colosso americano

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Fabrizio Ferrara

Fabrizio Ferrara - Chissà come se ne uscirà: le accuse della Verstager sono assai pesanti e circostanziate da statistiche e numeri. Le ragioni di Pichai sono accettabili, ma un po' ottimistiche, visto che iOS e Windows Mobile - per vari motivi - non sono alternative percorribili allo stesso modo (gli iPhone sono sempre iper-costosi, anche da usati, ed i Win Phone non esistono più). Finirà col consumatore finale costetto a pagar tutto con una maggiorazione dei prezzi?

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!