Iscriviti

Multa per Google dall’UE: stavolta è da 4,3 miliardi di euro

Google viene turbata un'altra volta dalla UE, che accusa l'azienda di posizione dominante e che le infligge una multa ancora più salata della precedente, ben 4,3 miliardi di euro.

Internet e Social
Pubblicato il 18 luglio 2018, alle ore 13:39

Mi piace
10
0
Multa per Google dall’UE: stavolta è da 4,3 miliardi di euro

Google continua ad entrare nel mirino dell’Unione Europea e dei suoi massimi organi di governo. Stavolta la Commissione UE ha superato s stessa ed ha comminato al colosso informatico statunitense una sanzione di 4,3 miliardi di euro per posizione dominante nel mercato e del proprio sistema operativo Android, ormai installato sulla stragrande maggioranza dei prodotti telefonici ‘extra-Apple’.

L’ammontare della colossale multa è stato comunicato agli organi di stampa dall’affidabilissima agenzia Bloomberg e verrà a stretto giro comunicata direttamente dai portavoce della Commissione Europea. Il tutto nel contesto di un clima sempre teso, commercialmente parlando, tra Europa e Stati Uniti.

Già non più di un anno fa, Google era stata multata sempre dalla Commissione Europea per 2,4 miliardi di euro a causa del sistema di comparazione dei prezzi, Google Shopping che, secondo i burocrati del Vecchio Continente, mostrava solamente le differenze di prezzi tra alcuni attori di mercato influenti e di grande portata.

L’accusa dell’Europa in questo caso verso la società americana riguarda nello specifico il patto sottoscritto tra Google e Samsung e la buona parte dei produttori di smartphone mondiali di preinstallare il proprio sistema operativo, Android, portando la propria barra di ricerca sulla schermata principale di ogni dispositivo, incrementando in maniera indiretta i propri ricavi pubblicitari.

Google si prepara a fare ricorso, avendo un lasso di tempo di 90 giorni, nei quali cercherà di formulare le basi di una propria strategia difensiva atta ad evitare l’elevatissima sanzione che equivale ad una manovra finanziaria di alcuni Paesi Europei, ma che, secondo alcuni analisti di mercato, equivale ai “soli” ricavi di due settimane della società americana.

Per di più, gli organi di burocrazia europea stanno studiando una terza causa contro Google riguardo al suo sistema pubblicitario, specie per quanto riguarda le funzioni di Google AdSense, perciò per il colosso americano si prospettano anni molto duri di contrasti con la Commissione Europea.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Claudio Bosisio

Claudio Bosisio - Ripeto quello che ho espresso più volte: la Commissione Europea continua a multare i colossi americani e mondiali dell'alta tecnologia con multe per posizione dominante. Questo è un sistema che mina il libero mercato ed il merito di chi raggiunge grandi ricavi, per di più non a fronte di rafforzamento della concorrenza, ma di ricavi che la UE usa solo per far cassa, a spese dei ricavi e, indirettamente, portando a rischio di perdita di migliaia di posti di lavoro di dipendenti delle suddette aziende. Ma non vi siete mai chiesto perché la UE non multa nessuna azienda europea? Perché non accade mai? Perché forse farebbe decrescere il prodotto interno lordo dell'Unione? La Commissione UE è semplicemente ridicola e sfrutta i colossi mondiali per far cassa, finanziando in questo modo i suoi numerosissimi sprechi.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!