Iscriviti

Keen: da Google il social network ispirazionale anti Pinterest

Area 120, assieme a una divisione per l'intelligenza artificiale, ha allestito un nuovo progetto sperimentale in salsa Google, rappresentato dal social network Keen, accessibile via app e browser, dedicato a coltivare ed espandere gli interessi personali.

Internet e Social
Pubblicato il 19 giugno 2020, alle ore 12:48

Mi piace
8
0
Keen: da Google il social network ispirazionale anti Pinterest

Il crescente successo del social network ispirazionale Pinterest incomincia a destare sempre più contromosse, da parte dei colossi del settore, tanto che – dopo Facebook con un migliorato sistema di Raccolte condivise – è la volta di Google tentare una reazione, attraverso un nuovo social network, Keen, accessibile via browser (staykeen.com/landing) e app Android. 

Realizzato in cooperazione tra la sezione sperimentale Area 120 e quella dedicata all’intelligenza artificiale ed al machine learning, PAIR, Keen, gratuito, permette (ottenuto l’accesso grazie al proprio account Google) di realizzare delle bacheche, chiamate appunto Keen, cui conferire un titolo e una descrizione (che comparirà negli inviti spediti a terzi), per poi passare a popolarle a seconda dell’interesse di riferimento.

In dette bacheche, suddivisibili anche in sezioni, sarà possibile includere contenuti (gemme) riordinabili quali foto, immagini, video, collegamenti, testi, reperendoli tramite una ricerca in-app condotta con Google Search, o in base all’indicazione di alcuni interessi correlati: alla fine, scelto se rendere pubblica o privata una specifica bacheca, si passa alla fase interattiva/social.

Qui l’utente potrà decidere se condividere delle idee, o invitare i propri contatti a collaborare, creando una vera e propria community attorno a un particolare interesse personale: in più, sarà anche possibile iscriversi e seguire le altrui bacheche, finendo col ricevere degli avvisi o notifiche ad avvenuto inserimento di un nuovo contenuto, che si potrà eventualmente decidere di salvare a propria volta in una “Keen” personale.

Man mano che si andrà a popolare e ad infoltire le proprie bacheche, all’interno del relativo Feed, si riceveranno sempre più suggerimenti di nuovi contenuti pertinenti, che si potrà esplorare in modo da “espandere i propri orizzonti“. 

Al momento, il social Keen non è ancora disponibile in forma di applicazione per iOS, mentre quella per Android può essere scaricata direttamente dal Play Store, risultando al fine compatibile con tutti i device del robottino verde, purché abbiano una release di Android dalla KitKat 4.4 in avanti. 

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Fabrizio Ferrara

Fabrizio Ferrara - Mi son subito fiondato su Keen per provare a imbastirci qualcosa: le prime impressioni che ho avuto è di un prodotto ancora acerbo, ma con molte potenzialità. Il problema è che anche Google Plus si trovava nella stessa situazione, potendo attingere all'ecosistema di Big G, e non andò comunque bene: temo che lo stesso finirà con l'accadere anche all'esperimento rendicontato.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!