Iscriviti

Controversie contro operatori telefonici e di Pay TV: dal 2018 si risolvono online, con il ConciliaWeb

Spesso, capita di far valere le proprie ragioni nei confronti degli operatori telefonici, o delle Pay TV. Allo scopo, sono disponibili i Co.Re.Com i cui servizi vengono erogati in appositi uffici regionali: dal 2018, tutto sarà digitalizzato e fruibile online.

Internet e Social
Pubblicato il 11 dicembre 2017, alle ore 18:45

Mi piace
11
0
Controversie contro operatori telefonici e di Pay TV: dal 2018 si risolvono online, con il ConciliaWeb

Dell’Agcom, l’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni, non si sentiva parlare da molto tempo, precisamente da quando si era ventilata l’ipotesi di richiedere, a WhatsApp & co, il pagamento per l’uso delle linee telefoniche. Nei giorni scorsi, la nota autorità di garanzia è tornata alla ribalta, questa volta in merito al varo di un servizio online, il ConciliaWeb, che permetterà di risolvere non pochi problemi con una manciata di click.

L’Agcom viene spesso interpellata, dagli utenti italiani, per risolvere diverse controversie nei riguardi degli operatori di telefonia, o di quelli delle Pay TV: a tale scopo, i consigli regionali per la comunicazione – Co.Re.Comdal 2002 offrono, sul territorio, la possibilità di avvalersi dei servizi dell’Agcom. I risultati, ovviamente, sono positivi, basti pensare che, nell’intero 2016, i 90 mila italiani che sono ricorsi a tali servizi hanno ottenuto un totale di 30 milioni di euro di rimborsi, mentre – nel primo trimestre del presente anno – vi è stato un incremento degli indennizzi ottenuti: in particolare, le 33.000 controversie allestite contro operatori telefonici o di Pay TV, risoltesi nel 77% dei casi con un accordo tra le parti, hanno portato già a risarcimenti per 14,5 milioni di euro.

Nel Settembre scorso, in alcune dichiarazioni del presidente dell’Agcom, Angelo Marcello Cardani, si era anticipata l’intenzione di digitalizzare le procedure di risoluzione dei contrasti tra le parti ed ora, finalmente, a tal riguardo abbiamo un primo timing: a partire dal 2018, infatti, non sarà più necessario recarsi presso la sedi del proprio Co.Re.Com regionale, ma si potranno avviare e gestire le pratiche di conciliazione senza doversi spostare fisicamente dal luogo di lavoro o dal proprio domicilio ma, anzi, il tutto potrà essere svolto online, da qualsiasi dispositivo, semplicemente collegandosi alle pagine del nuovo servizio “ConciliaWeb”.

Quest’ultimo, fanno sapere all’Agcom, potrà essere utilizzato per tutta una serie di fattispecie problematiche molto frequenti, tra cui anche la piaga della doppia fatturazione (tra nuovo e vecchio operatore, in merito ad un medesimo arco temporale) o del mancato rispetto dei minimi contrattuali (velocità di download ed upload troppo basse) da parte degli operatori telefonici.

A tal proposito, si dovrà procedere in tandem con Nemesys, lo SpeedTest Agcom del pacchetto “MisuraInternet”, varato in seguito all’emanazione della Delibera n. 244/08/CSP: con tale SpeedTest, si otterrà un certificato con valore legale che attesterà la qualità delle proprie prestazioni connettive. 

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Fabrizio Ferrara

Fabrizio Ferrara - Quello che in molti si aspettano dallo Stato è che aiuti le persone a risolvere i piccoli e grandi problemi di ogni giorno: il varo dei servizi dell'Agcom è sempre stato utile ma, sino ad ora, era necessario recarsi presso le sedi regionali dei Co.Re.Com per sfruttarne le possibilità di conciliazione, e non sempre si aveva il tempo di farlo, spesso rinunciando a somme dovute che, a conti fatti, conveniva più perdere che affannarsi a richiedere. Ecco, col varo - dal 2018 - del servizio online "ConciliaWeb", tutto ciò potrà esser fatto online, anche dal proprio smartphone qualche minuto prima di concludere la propria giornata: decisamente comodo ed in linea con i tempi attuali.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!