Iscriviti

Task Mate: ufficiale il servizio di Google per guadagnare con lo smartphone

La fucina creativa di Google, sovente volta a concepire e testare nuovi servizi nella speranza che abbiano successo, ha da poco partorito Task Mate, un'applicazione che si prefigge lo scopo di aiutare l'utente nel guadagnare piccole cifre col proprio smartphone.

Software e App
Pubblicato il 24 novembre 2020, alle ore 09:58

Mi piace
5
0
Task Mate: ufficiale il servizio di Google per guadagnare con lo smartphone

Ormai non si contano più i servizi in salsa Google abortiti, tra cui InBox, Wave, Allo, Google Spaces, Orkut, Picasa, Google Answers, Google Plus e molti altri, debitamente elencati dalla pagina Killedbygoogle: non sempre infatti, un servizio lanciato da Mountain View ha avuto il successo sperato, anche se in molti ripongono buone speranze sul neonato servizio “Task Mate”.

Task Mate, disponibile in forma di app Android in “early access” per India e Kenya, propone agli utenti di essere pagati per piccoli compiti che possono portare a termine col loro smartphone: le mansioni, o tasks, che un editore può pubblicare, verosimilmente attraverso l’account Google My Business, si dividono in due macrocategorie.

La prima afferisce a quelli che si possono portare a termine da casa (es. tradurre delle frasi, pronunciare delle parole in una data lingua, etc) e quelli per i quali è necessario recarsi in un luogo e documentare qualcosa (es. fotografare una vetrina o degli scaffali in qualità di mistery shopper per un cliente terzo, o immortalare un negozio per conto di Google stessa, nell’ambito del servizio Street View).

Le remunerazioni previste in Task Mate sono in genere nell’ordine di pochi centesimi (in valuta locale), basti pensare che la traduzione di 10 frasi viene corrisposta all’equivalente di 50 centesimi di dollaro, mentre recarsi (a piedi) a 5 minuti da casa per fotografare un negozio ne comporta 25. Per raggiungere una quota riscattabile, in denaro vero e non in crediti, occorre arrivare a 10 dollari, raggiunti i quali sarà possibile effettuare il trasferimento verso il conto corrente indicato in fase di registrazione. 

Nell’utilizzare Task Mate, i passaggi da seguire sono invero molto semplici: trovato il task d’interesse, lo si può richiedere e portare a termine, prima di ottenere la valutazione del richiedente e, in caso positivo, venir pagati. Col passare del tempo, portando avanti con successo sempre più compiti, o tasks, si salirà nella classifica dei tasker e, di conseguenza, si avranno maggiori possibilità di essere scelti da chi richiede tali mansioni (secondo Google, “aziende di tutto il mondo“). 

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Fabrizio Ferrara

Fabrizio Ferrara - Il servizio in questione non è propriamente nuovo, visto che in giro ci sono già soluzioni similari, alle quali quella di Google si accomuna per l'esiguità delle remunerazioni previste: va detto che, se non altro, si tratterà di una piattaforma affidabile che, un domani, potrebbe anche aprirsi a taks più sostanziosi, qualora dovesse aver successo ed affermarsi anche in altri mercati.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!