Iscriviti

Instagram verso la soluzione del bug mangia followers, WhatsApp contro gli inviti coatti ai gruppi

Nelle scorse ore, prende sempre più quota l'ipotesi che il calo di followers su Instagram sia dovuto a un bug, in corso di risoluzione. Nel frattempo, un test in atto su WhatsApp per iOS potrebbe risolvere la piaga delle iscrizioni coatte ai gruppi.

Software e App
Pubblicato il 14 febbraio 2019, alle ore 13:19

Mi piace
8
0
Instagram verso la soluzione del bug mangia followers, WhatsApp contro gli inviti coatti ai gruppi

Instagram e WhatsApp sono, senz’altro, le applicazioni per smartphone più popolari in assoluto, tanto che è ben difficile non trovarle installate in qualche device, iOS o Android che sia. Normale, quindi, che un eventuale problema ad una delle due app, come di recente accaduto a Instagram, o l’indiscrezione su un test in corso, come avvenuto per WhatsApp, possano drizzare le antenne degli appassionati hi-tech.

Per quanto riguarda Instagram, nuove informazioni arrivano in merito al massiccio calo di followers riscontrato da influencer (es. Zach Clayton e James Charles), e star (es. Cristiano Ronaldo, da 16 a 15.7 milioni di seguaci), che, seppur in maniera più marginale, ha colpito anche l’utenza comune. Memori di alcuni annunci forniti in merito da Menlo Park , quando sul blog Business di Instagram si parlò di iniziative per ridurre le “attività non autentiche” sulla piattaforma, diverse testate d’oltreoceano avevano ipotizzato che la riduzione degli account dei followers fosse imputabile ad un repulisti consapevole attuato dall’app di photo-sharing: tuttavia, nelle scorse ore, diversi utenti hanno segnalato, in varie parti d’Europa (Belgio, Italia, Olanda, UK) ed in alcune città americane (Los Angeles e New York), difficoltà a loggarsi nell’app e, in alcuni casi, anche a scrollarne il NewsFeed.

Considerando che, più o meno nelle stesse ore, Instagram ha twittato di essere consapevole del “problema che ha portato molti utenti a perdere followers, e di essere al lavoro per risolvere la questione”, la possibilità che Instagram abbia dovuto affrontare un grave bug prende sempre più quota. 

A quanto pare, però, la fucina creativa di Menlo Park è al lavoro non solo per risolvere gli eventuali problemi della piattaforma Instagram, ma anche per perfezionare alcuni meccanismi, invero discutibili, di WhatsApp, in base ai quali – sino ad oggi – è possibile invitare chiunque in un gruppo, anche senza che questi abbia fornito alcuna autorizzazione o manifestazione d’interesse in merito.

I leaker di WABetaInfo, infatti, nel analizzare le funzionalità della nuova versione beta di WhatsApp per iOS, hanno scoperto, nelle impostazioni dell’account dedicate alla privacy, alla voce Gruppi, un’opzione che permette di scegliere da chi farsi invitare all’interno delle chat collettive: l’opzione più light è “tutti“, che lascerà le cose esattamente come oggi, quella intermedia è “solo i contatti“, che limiterà gli inviti (accettabili o meno) agli utenti presenti nella nostra rubrica telefonica, e quella più severa è “nessuno“, grazie alla quale – nel caso qualcuno tenti di iscrivere un utente a un gruppo – partirà solo un invito all’adesione, valido 72 ore, scaduto il quale se ne dovrà attendere un altro (o usare il link diretto al gruppo) per poter entrare. Trattandosi di un test, l’arrivo della feature in oggetto, in forma stabile prima su iOS e, poi, anche su Android, dipenderà dai feedback forniti dagli utenti.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Fabrizio Ferrara

Fabrizio Ferrara - Devo dire che, onestamente, attendevo da tempo la novità di WhatsApp: ad oggi, nel caso si finisca nel calderone di un gruppo molesto, e non si possa abbandonarlo (per non urtare gli amici), l'unica scappatoia è silenziare il gruppo. Poter decidere da chi farsi invitare è un notevole passo avanti: peccato che l'opzione "nessuno", più che un netto diniego, sia una sorta di filtro, dato che un invito ad aderire parte comunque...

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!