Iscriviti

Google Maps: in roll-out la calibrazione della posizione basata sulla realtà aumentata

Da Mountain View risulta partito un aggiornamento per Google Maps, ad oggi solo per Android, che permette di sfruttare la funzione Live View basata sulla realtà aumentata non solo per spostarsi a piedi, ma anche per calibrare orientamento e posizionamento.

Software e App
Pubblicato il 16 luglio 2020, alle ore 09:05

Mi piace
6
0
Google Maps: in roll-out la calibrazione della posizione basata sulla realtà aumentata

Il 2020 è l’anno in cui Google Maps, celebrando i suoi 15 anni di operatività, ha ricevuto un corposo aggiornamento, che ne ha anche ridisegnato l’icona, oltre ad aver reso più facilmente accessibile la funzione Live View AR, introdotta lo scorso anno per guidare chi si sposta a piedi tramite informazioni sovrimpresse alla realtà inquadrata. Proprio tale feature è stata appena omaggiata di un’ulteriore miglioria, che ne ha reso possibile l’uso anche per calibrare le Gmaps riportandole a essere precise. 

Può capitare che, in alcune zone, a causa dell’alta densità di edifici, alcuni dei quali anche molto alti, possano esservi delle interferenze sul GPS che, perdendo il segnale, non è più in grado di capire dove si trovi l’utente: in frangenti simili, la consueta calibrazione, quella basata sulla bussola e sul segnale GPS, che porta a dover disegnare in aria un ideale 8, risulta inutile.

Google, consapevole di ciò, ha ideato un nuovo metodo di calibrazione, che mette insieme le peculiarità del Live View AR con i dati accumulati, nel corso degli anni, da Street View.

Per utilizzare la novità, in questo caso basta avviare l’app aggiornata (stabile o beta) di Google Maps, su Android (con i  Google Play Services per AR attivi), e tippare il puntino blu, per veder apparire un menu contestuale con diverse voci, tra cui “Visualizza i luoghi nelle vicinanze”, “Condividi la tua posizione”, e Salva come posizione del parcheggio”, in calce alle quali vi è proprio la nuova “Esegui la calibrazione con Live View”.

Tippata quest’ultima, un’istruzione a mezz’aria proposta nella fotocamera in-app di Live View richiederà di inquadrare gli edifici e i segnali stradali nei paraggi, in modo che Google Maps, riconosciuta la direzione in cui ci si sta muovendo, identificherà anche in modo più preciso la posizione dell’utente, col puntino blu che non sarà più contrassegnato da un raggio, ma effigiato con una freccia piena atta a indicare la posizione verso la quale si è rivolti. 

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Fabrizio Ferrara

Fabrizio Ferrara - Perbacco: assieme al Plus Code, quella della calibrazione via Live View credo sia una delle novità più importanti messe in piedi da Google Maps negli ultimi anni, visto che, più che proporre meri affinamenti, va a soddisfare una concreta esigenza prima inevasa, come nel caso del dover ottenere una geolocalizzazione precisa anche in alcuni ambienti urbani.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!