Iscriviti

Google Gboard: con Emoji Kitchen è ufficiale il crossover tra emoji e stickers

Dopo una breve sessione di test, ha fatto il suo esordio un piccolo laboratorio creativo, l'Emoji Kitchen, all'interno della tastiera virtuale di Google, nota come Gboard, grazie al quale è possibile ottenere dei crossover emozionali di emoji e stickers.

Software e App
Pubblicato il 12 febbraio 2020, alle ore 19:43

Mi piace
6
0
Google Gboard: con Emoji Kitchen è ufficiale il crossover tra emoji e stickers

Un’applicazione che un po’ tutti usano sullo smartphone è, indubbiamente, quella tastiera che, in particolar modo (ma non solo) nel panorama Android, offre un’ampissima varietà di scelte, potendo sostituire quella di default del proprio device con quelle di terze parti, reperibili sull’app store di turno: tra queste ultime, Gboard, la tastiera ufficiale di Google, è quella che, negli ultimi tempi, sta conoscendo il maggior attivismo, col rilascio continuo di nuove funzionalità.

Come noto, entro fine 2020, Google implementerà un totale di 62 nuove emoji, recepite direttamente dal nuovo pacchetto targato Unicode Consortium. Nel frattempo, però, la grande G si è portata avanti, arricchendo in altro modo le possibilità espressive della sua tastiera virtuale Gboard.

Nella versione beta 9.0.2.290777105 di quest’ultima, non più di qualche giorno fa, Mountain View ha iniziato a sperimentare un curioso crossover tra emoji e stickers: in pratica, avendo avuto cura di attivare per tempo, sulla tastiera, il picker per scegliere l’emoji preferita da accludere a un messaggio, nell’andare a cercare la stessa, magari digitando una parola chiave nell’apposito form, Gboard consiglierà all’utente come sostituire l’emoticon trovata con degli adesivi corrispondenti (in totale 8), alquanto singolari. Gli stessi, infatti, ricalcheranno in qualche modo l’emozione dell’emoji scelta in maniera tale che, orientatisi su quella del sorriso, l’AI della tastiera otterrà una scimmia sorridente, un fantasmino sorridente, un cuore sorridente, etc.

La funzione in questione, dopo appena un paio di giorni di test, nelle scorse ore è stata protagonista di un annuncio ufficiale nel blog di Google, in cui ne veniva rivelato il nome definitivo, Emoji Kitchen, e confermato il roll-out nella versione stabile di Gboard, disponibile al download (per ora solo) nel Play Store, senza dover passare per il programma beta.

Al momento, la funzione Emoji Kitchen, della tastiera Gboard, non permette di “cucinarsi” uno stickers emoji su misura, ma propone, per ogni emoji scelta, una serie di combinazioni “adesive”, già pre-confezionate dai designer di Google. In compenso, però, è possibile sfruttare le creazioni della Emoji Kitchen, in qualità di allegati PNG, nei messaggi scambiati all’interno di varie app compatibili (es. Messenger, Telegram, WhatsApp, Snapchat, Messaggi by Google, Gmail). 

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Fabrizio Ferrara

Fabrizio Ferrara - Da qualche giorno, sfruttando la beta di Gboard, avevo notato questa curiosa funzione, all'epoca ancora senza nome, e piuttosto limitata all'esordio: in pratica, tranne che per le faccine, le restanti emoji quasi mai generano suggerimenti di stickers emozionali. Ora, invece, assieme al nome, la feature sembra aver guadagnato una maggior completezza espressiva.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!